Cette publication est accessible gratuitement
SESSION 2007 ÉPREUVE ITALIEN Lisez attentivement les instructions suivantes avant de vous mettre au travail : Chaque question comporte quatre propositions, notéesA. B. C. D.. Pour chaque proposition, vous devez signaler si elle est vraie en l'indiquant sur la grille de réponses en marquant la case sous la lettre V ; ou fausse en l'indiquant sur la grille de réponses en marquant la case sous la lettre F. Une réponse est donc une suite de quatre marques V ou F. Exemples :
L’absence de marque (V, F) ou la mauvaise marque à une proposition n’entraîne pas de points négatifs. Vous vous servirez de la feuille jointe pour indiquer vos réponses en noircissant les cases situées à côté des lettres correspondantes. Nombre de pages de l'épreuve :7Durée de l’épreuve :1 h 00 Coefficient de l’épreuve :Epreuve facultative. Seuls les points au dessus de la moyenne de l’épreuve sont pris en compte et s’ajoutent au total des points obtenus.
Page 1 sur 7
1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) 9) 10)
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
Questo è un bello cane da caccia. Questo è un bel cane di caccia. Questo è un bel cane da caccia. Questo è un bello cane di caccia.
Benché ti avessi avvertito, non ne hai tenuto conto. Benché ti abbia avvertito, non ne hai tenuto conto. Benché ti ho avvertito, non ne hai tenuto conto. Benché ti avevo avvertito, non ne hai tenuto conto.
Sono stati svegli per tempo ; ora ben svegliati possono lavorare. Sono stati svegliati per tempo; ora ben svegliati possono lavorare. Sono stati svegli per tempo ; ora ben svegli possono lavorare. Sono stati svegliati per tempo; ora ben svegli possono lavorare.
Il condannato era stato inchiodato sulle braccia della croce. Il condannato era stato inchiodato sui bracci della croce. Il condannato era stato inchiodato sulle braci della croce. Il condannato era stato inchiodato sulla braccia della croce.
Vieni a prendermi in un’ora. Vieni a prendermi fra un’ora. Vieni a prendermi entro un’ora. Vieni a prendermi da un’ora.
Questa ragazza ha davanti a sè un grandissimo avvenire. Questa ragazza ha dinanzi a sè un grandissimo avvenire. Questa ragazza ha davanti lei un grandissimo avvenire. Questa ragazza ha dinanzi lei un grandissimo avvenire.
Ecco la sciarpa ! Se la metta ! Ecco la sciarpa ! Se la mette ! Ecco la sciarpa ! Mettitela ! Ecco la sciarpa ! Te la metti !
Troppi giovani sono molti disorientati. Troppo giovani sono molti disorientati. Troppo giovani sono molto disorientati. Troppi giovani sono molto disorientati.
Che ore sono ? – Sono le undici e trenta. Che ore sono ? – Sono le undici e mezza. Che ore sono ? – Sono le undici ore e mezza. Che ore sono ? – Sono undici ore e trenta.
Hanno fatto di fuori un capo della mafia calabrese. Hanno fatto da fuori un capo della mafia calabrese. Hanno fatto in fuori un capo della mafia calabrese. Hanno fatto fuori un capo dellamafia calabrese.
Page 2 sur 7
11) 12) 13) 14) 15) 16) 17) 18) 19) 20)
A.Non mangi più ? – Non entra più, sono pieno. B.Non mangi più ? – Non mi va più, sono pieno. C.Non mangi più ? – Non ne voglio più, sono pieno. D.Non mangi più ? – Non ne posso più, sono pieno.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
Lo spettacolo è rimandato : puoi andare. Lo spettacolo è rimandato : te ne puoi andare. Lo spettacolo è rimandato : puoi andartene. Lo spettacolo è rimandato : ne puoi andare.
Era l’ora in cui aveva inizio il coprifuoco. Era l’ora dove aveva inizio il coprifuoco. Era l’ora che aveva inizio il coprifuoco. Era l’ora nella quale aveva inizio il coprifuoco.
Mentre fosse intelligente non gli riuscivano gli studi. Perché fosse intelligente non gli riuscivano gli studi. Anche se fosse intelligente non gli riuscivano gli studi. Appena fosse intelligente non gli riuscivano gli studi.
Si è felici quando si è liberi. Si è felice quando si è libero. Si è felici quando si è libere. Si è felice quando si è libere.
Bisogna che tu ti metta in contatto con lo zio Filippo. Occorre che tu ti metta in contatto con lo zio Filippo. Devi mettertiin contatto con lo zio Filippo. E’ necessario che tu ti metta in contatto con lo zio Filippo.
Sai se Mario è arrivato all’ora ? Sai se Mario è arrivato all’orario? Sai se Mario è arrivato in orario? Sai se Mario è arrivato in ora ?
Voglio bene passeggiare sulla spiaggia d’estate. Amo bene passeggiare sulla spiaggia d’estate. Adoro passeggiare sulla spiaggia d’estate. Mi piace passeggiare sulla spiaggia d’estate.
Questi psicologi sono poco noti. Questi psicologi sono pochi noti. Questi psicologhi sono pochi noti. Questi psicologhi sono poco noti.
Lo studente, di chi hai letto il compito, è bravissimo. Lo studente, del cui hai letto il compito, è bravissimo. Lo studente, il cui hai letto il compito, è bravissimo. Lo studente, cui hai letto il compito, è bravissimo.
Page 3 sur 7
21) 22) 23) 24) 25) 26) 27) 28) 29) 30)
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
Chi è venuto ? – Persona. Chi è venuto ? – Nessuno. Chi è venuto ? – Nulla. Chi è venuto ? – Alcuno.
La mamma disse che il papà sarebbe tornato presto. La mamma disse che il papà torna presto. La mamma disse che il papà tornava presto. La mamma disse che il papà tornerebbe presto.
Se il tempo è bello si va in campagna. Se il tempo fosse bello si andrebbe in campagna. Se il tempo sarà bello si andrà in campagna. Se il tempo sia bello si vada in campagna.
Non ho niente a fare. Non ho niente da fare. Non ho niente di fare. Non ho niente che fare.
Ti scrivo perché tu mi dai il tuo parere. Ti scrivo perché tu mi dia il tuo parere. Ti ho scritto perché tu mi dessi il tuo parere. Ti ho scritto perché tu mi davi il tuo parere.
Parla sempre a mezza voce. Parla sempre con mezza voce. Parla sempre per mezza voce. Parla sempre mezza voce.
L’ho chiamato mentre leggeva il suo libro. L’ho chiamato che leggeva il suo libro. L’ho chiamato leggente il suo libro. L’ho chiamato nel leggendo il suo libro.
Da noi ce se conosce tutti. Da noi ce si conosce tutti. Da noi ci se conosce tutti. Da noi ci si conosce tutti.
Era vestito di soldato. Era vestito in soldato. Era vestito a soldato. Era vestito da soldato.
Paolo ha scritto a sua sorella e al suo fratellino. Paolo ha scritto a sua sorella e al suo fratello. Paolo ha scritto a sua sorella e a suo fratellino. Paolo ha scritto a sua sorella e a suo fratello.
Page 4 sur 7
31) 32) 33) 34) 35) 36) 37) 38) 39) 40)
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
A. B. C. D.
Scusi, mi sa dire a che ora parte il treno di notte ? Scusi, sa dirmi a che ora parte il treno di notte? Scusi, saprebbe dirmi a che ora parte il treno di notte? Scusi, mi saprebbe dire a che ora parte il treno di notte?
Cambia vestito ogni giorno. Cambia vestito tutti i giorni. Cambia vestito ogni due giorni. Cambia vestito un giorno sì e un giorno no.
Mi sarebbe piaciuto diventare un pilota. Mi piacerebbe diventare un pilota. Mi piaceva diventare un pilota. Mi piace diventare un pilota.
Questi appunti sono presi meglio di nostri. Questi appunti sono presi meglio dei nostri. Questi appunti sono presi meglio di quelli nostri. Questi appunti sono presi meglio che i nostri.
La bottiglia di vino è piena di liquore. La bottiglia da vino è piena di liquore. La bottiglia da vino è piena da liquore. La bottiglia di vino è piena da liquore.
Le olimpiadi si celebrano ogni quattro anni. I giochi olimpiadi si celebrano ogni quattro anni. I giochi olimpici si celebrano ogni quattro anni. Gli olimpici si celebrano ogni quattro anni.
Fabio non sopporta che io lo proteggo. Fabio non sopporta che io lo protegga. Fabio non sopporta che io lo proteggessi. Fabio non sopporta che io lo proteggerei.
Giacomo si ha rotta una gamba. Giacomo si ha rotto una gamba. Giacomo si è rotta una gamba. Giacomo si è rotto una gamba.
Di questi due oggetti, quale vuoi? – Dammeli tutti e due. Di questi due oggetti, che vuoi ? – Dammeli alcuni. Di questi due oggetti, il quale vuoi ? – Dammeli tutti e due. Di questi due oggetti, cosa vuoi ? – Dammeli alcuni.
Allo sciopero hanno partecipato centinaio di lavoratori. Allo sciopero hanno partecipato alcune centinaia di lavoratori. Allo sciopero hanno partecipato alcuni centinai di lavoratori. Allo sciopero hanno partecipato centinaia di lavoratori.
Page 5 sur 7
Lisez attentivement le texte suivant : Il boom del sito di eBay di Alessandro Gilioli  L’Espresso 23 ottobre 2005 Fra tutti i fenomeni esplosi con il Web, il sito di eBay è quello che più scatena la fantasia, commerciale e no, di chi frequenta la Rete. Del resto, avendo a che fare con un pubblico di 147 milioni di persone sparse in 33 diversi paesi del mondo, è molto probabile che qualsiasi cosa vogliate vendere, da qualche parte qualcuno se la compri; e che qualsiasi cosa vogliate comprare, da qualche parte finiate per trovarla. La storia di eBay non sfugge alla mitologia della net economy: a 28 anni il programmatore di origini iraniane Pierre Omiryad si inventa un softwarino per consentire alla sua fidanzata di trovare gente che, come lei, collezionasse macchinette sparacaramelle. Era il pleistocene di Internet, ma la trovata funzionò e piano piano altri collezionisti di altri oggetti si aggiunsero alla nuova piazza virtuale per vendere e comprare oggetti. Il tam tam fece il resto: fino a rendere miliardari sia Pierre sia il suo amico Jeff Skoll, che lo aveva aiutato fin dagli inizi. Già, perché in un pianeta come quello del Web dove tanta gente ha avuto idee meravigliose senza saperle poi sfruttare per far soldi, Pierre e Jeff hanno invece adottato il modello di business più semplice del mondo: far pagare una piccola cifra a chiunque mettesse un annuncio e prendersi una provvigione su ogni oggetto venduto. Nell'alchimia del successo di eBay non è indifferente la facilità con cui si può comprare e vendere, ciò che ha permesso anche agli infoanalfabeti più tenaci di avvicinarsi serenamente al sito. Una serie di brillanti ammennicoli tendono a tranquillizzare ancora di più gli avventori: ad esempio, ogni volta che qualcuno vende qualcosa viene sottoposto a una votazione da parte dell'acquirente, e l'insieme dei voti presi costituisce un rating pubblico sull'affidabilità di chi mette annunci; sicché, di solito, acquistare da chi ha un punteggio molto alto mette al sicuro da sorprese. Per chi ha paura di comunicare al venditore il numero della propria carta di credito c'è un sistema che consente di mantenere la riservatezza. E se poi l'oggetto acquistato non arriva, quelli di eBay garantiscono risarcimenti fino a 400 euro. Naturalmente, come in tutti i mercati del mondo, così anche in eBay circolano mariuoli e farabutti, che l'azienda californiana cerca di marginalizzare il più possibile fornendo istruzioni precise perché le truffe si riducano al minimo e il pubblico non perda la fiducia. Les affirmationssuivantes sontelles ou non incluses ou dans le texte ? 41) A.eBay è nato per vendere caramelle.  B.eBay è usato solo da collezionisti.  C.Il fondatore di eBay voleva all’origine aiutare la sua fidanzata.  D.eBay esiste da 28 anni. 42) A.Chi compra su eBay può dare un voto sull’affidabilità del venditore.  B.Chi vende su eBay può dare un voto sull’affidabilità del compratore.  C.I voti dei clienti di eBay rimangono segreti.  D.E’ vietato comprare da chi ha ricevuto voti molto bassi. 43) A.eBay ha avuto successo grazie alla semplicità della sua utilizzazione.  B.Gli annunci su eBay sono gratuiti.  CI fondatori di eBay non sono stati capaci di sfruttare la loro invenzione.  D.I fondatori di eBay sono diventati molto ricchi. 44) A.E’ vietato vendere su eBay oggetti di valore superiore a 400 euro.  B.eBay fornisce un’assicurazione all’acquirente per un valore fino a 400 euro.  C.I mariuoli sono delle persone oneste.  D.Quelli di eBay non fanno nulla contro gli imbroglioni che usano il loro sistema. 45) A.Ci sono almeno 147 m ilioni di persone che usano eBay in 33 paesi.  B.eBay è stato fondato quando Internet stava appena nascendo.  CeBay è stato fondato da un giovane programmatore aiutato da un amico.  D.entamente.Il numero e la varietà di oggetti venduti su eBay sono cresciuti l
Page 6 sur 7
Lisez attentivement le texte suivant : Poca ansia, siamo italiani di Nicola Nosengo  L’Espresso, 15 dicembre 2005 Gli italiani sono i meno depressi d'Europa. Non solo: soffrono meno degli altri europei anche di ansia, attacchi di panico e della maggior parte degli altri disturbi psichici. È questa la fotografia che emerge da uno studio che ha indagato la diffusione dei principali disturbi mentali in sei paesi europei. I dati dicono che l'11 per cento degli italiani in qualche momento della vita soffre di un qualche disturbo affettivo (quindi la depressione nelle sue varie forme), e un altro 11 di qualche disturbo d'ansia. Non che 11 persone su cento siano poche, certo. Ma sono meno delle 14 che soffrono di depressione e delle 16 con disturbi d'ansia rilevate come media europea. Ma ci sono anche prove indirette che la situazione sia migliore in Italia rispetto ad altri paesi. Secondo Giovanni de Girolamo, uno degli psichiatri responsabili dello studio, "l'Italia è tra i paesi europei in cui il tasso di suicidi è più basso, e il suicidio è nella grande maggioranza dei casi collegato a episodi di depressione. E siamo anche il paese in cui il consumo pro capite di alcol è calato di più nell'ultimo decennio". Ma perché in quanto a salute mentale stiamo un po' meglio del resto del mondo occidentale? De Girolamo fa notare che i dati spagnoli sono paragonabili ai nostri, e che si può ipotizzare che i popoli mediterranei siano meno esposti ai disturbi affettivi e dell'umore, per un effetto protettivo delle relazioni familiari e della struttura sociale. Secondo Giuseppe dell'Acqua, psichiatra di Trieste, "quei dati sono anche il frutto di un modello di assistenza che rimane un caso praticamente unico nel mondo occidentale". Il riferimento è alla strada, intrapresa in Italia con la legge del 1978, della chiusura dei manicomi e dell'assistenza psichiatrica portata sul territorio, nelle cliniche e nelle comunità terapeutiche, e al clima culturale che si è accompagnato a quel movimento. "Da noi esiste un'accessibilità ai servizi di salute mentale che riesce ad attutire l'impatto del disagio. Senza dimenticare che la chiusura dei manicomi ha cambiato la percezione della malattia mentale, che a sua volta ne influenza in qualche modo la diffusione. Chi vive in un paese dove il disturbo mentale è meno stigmatizzato, è meno portato a vivere come patologica anche la depressione o l'angoscia passeggera". Les affirmationssuivantes sontelles ou non incluses ou dans le texte ? 46) A.Il ruolo della famiglia in Italia è una possibile spiegazione dei risultati dello studio.  B.I legami sociali e familiari sono importanti anche in altri paesi mediterranei.  C.La famiglia causa disturbi affettivi e dell’umore.  D.La Spagna ha più problemi mentali di tutti gli altri paesi europei. 47) A.I disturbi affettivi sono più diffusi in Italia che i disturbi d’ansia.  B.I disturbi d’ansia sono più diffusi in Europa che i disturbi affettivi.  C.Lo studio citato nel testo ha incluso l’11 per cento degli italiani.  D.Lo studio citato nel testo si è svolto in cinque paesi oltre all’Italia. 48) A.I suicidi sono dovuti al consumo di alcol.  B.Il consumo di alcol in Italia è rimasto costante.  C.La depressione porta all’alcolismo.  D.Il basso tasso di suicidi conferma la buona salute mentale degli italiani. 49) A.L’assistenza psichiatrica in Italia è una possibile spiegazione dei risultati dello studio.  B.I servizi di assistenza psichiatrica italiani sono distribuiti sul territorio.  C.Una percezione non stigmatizzata della malattia mentale ne riduce la diffusione.  D.La depressione passeggera non è mai patologica. 50) A.L’esempio italiano della chiusura dei manicomi è stato seguito da molti paesi.  B.I manicomi italiani sono stati chiusi per legge nel 1978.  C.La chiusura dei manicomi ha fatto scomparire le malattie mentali.  D.La chiusura dei manicomi ha fatto aumentare le malattie mentali. Page 7 sur 7