Proposta di legge "Disposizioni atte a garantire l'autonomia ...

De
Publié par

Proposta di legge DI INIZIATIVA POPOLARE AI SENSI DELL’ARTICOLO 71, SECONDO COMMA, DELLA COSTITUZIONE E IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE 25 MAGGIO 1970, N.

Publié le : lundi 16 avril 2012
Lecture(s) : 15
Nombre de pages : 1
Voir plus Voir moins
Proposta di legge
DI INIZIATIVA POPOLARE
AI SENSI DELL’ARTICOLO 71, SECONDO COMMA, DELLA COSTITUZIONE
E IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE 25 MAGGIO 1970, N. 352
E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI
"Disposizioni atte a garantire l'autonomia finanziaria dei Comuni, delle Province e delle
Regioni."
On.li parlamentari,
la presente proposta di legge intende applicare concretamente la previsione dell'art. 119
della Costituzione che afferma l'autonomia finanziaria degli Enti Locali Territoriali.
La necessità di una legge di iniziativa popolare nasce dalla vigenza di una normativa
recentemente introdotta con decretazione d'urgenza (art. 35 D.L. 1/2012) che ha imposto
l'accentramento presso la Tesoreria Statale di tutte le giacenze (libere e vincolate) di Tesoreria degli
Enti Locali Territoriali, in particolare dei Comuni, sottraendo di fatto, alla disponibilità degli stessi
risorse finanziarie proprie, con grave danno per gli Stessi quantomeno in ragione della perdita di
interessi attivi riconosciuti dallo Stato nella misura dell'I % rispetto a quelli riconosciuti a tassi più
elevati dai rispettivi Tesorieri Locali.
Appare evidente che il riconoscimento costituzionale del principio di sussidarietà verticale sancito
dall'art. 118 della Costituzione e quello dell'autonomia finanziaria come definito dall'art. 119 della
stessa Carta Fondamentale vada attuato consentendo agli Enti Territoriali, in particolare ai Comuni,
la piena disponibilità di utilizzo, compatibilmente con le regole di sana gestione finanziaria, delle
proprie risorse liquide e che il Dettato Costituzionale non possa essere derogato per le proprie,
autonome, risorse con la giustificazione di una presunta maggior tutela dell'unità economica della
Repubblica e di un miglior coordinamento della Finanza Pubblica.
Quanto sopra in aggiunta ai cospicui tagli progressivamente operati negli ultimi anni dallo Stato
sulle risorse degli Enti Locali Territoriali.
L'attuale situazione normativa è venuta, pertanto, a costituire una grave lesione dell'autonomia
contrattuale e gestionale degli Enti Locali Territoriali essendo i Tesorieri selezionati con procedure
ad evidenza pubblica, anche in base a parametri legati ai rendimenti sulle giacenze, e vigendo con
gli stessi un contratto di tesoreria avente forza di legge tra le parti.
La presente proposta di legge, quindi, tende a riaffermare la piena titolarità potestativa ed
organizzativa degli Enti Locali Territoriali e dei Comuni quanto meno sulle risorse proprie, sul loro
utilizzo finanziario e autonomo di spesa, secondo il principio di leale collaborazione per il
raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica ma nel rispetto delle necessità primarie delle
collettività locali amministrate.
Soyez le premier à déposer un commentaire !

17/1000 caractères maximum.

Diffusez cette publication

Vous aimerez aussi