Maladie du cyprès (Coryneum cardinale)

De
Publié par

Scientific and technical research
Target audience: Scientific
Publié le : mardi 8 mai 2012
Lecture(s) : 184
Source : EU Bookshop, http://bookshop.europa.eu/
Nombre de pages : 88
Voir plus Voir moins

BO A
32ÔQ
Commission des Communautés européennes
AGRICULTURE
Maladie du cyprès
(Coryneum cardinale)
Communications scientifiques présentées
au séminaire de Florence (Italie),
20 et 21 octobre 1983
Rapport
EUR 9200 EN-FR-IT Commission des Communautés européennes
AGRICULTURE
Maladie du cyprès
(Coryneum cardinale)
Communications scientifiques présentées
au séminaire de Florence (Italie),
20 et 21 octobre 1983
C. Andreoli, V. Di Lonardo, E. Motta, V. Nembi, A. Panconesi,
C. Parrini, J. Ponchet, P. Raddi, A Saponaro, S. Xenopoulos
Le séminaire a été organisé par le Dr Paolo RADDI du «Centro di studio
per la patologia delle specie legnose montane» de l'université de Florence,
dans le cadre du programme de la Commission des Communautés euro­
péennes pour la coordination de la recherche agricole (Direction géné­
rale VI-F-4)
Direction générale
Agriculture
1984 Publié par:
COMMISSION DES COMMUNAUTÉS EUROPÉENNES
Direction générale
Marché de l'information et innovation
Bâtiment Jean Monnet
LUXEMBOURG
AVERTISSEMENT
Ni la Commission des Communautés européennes, ni aucune autre personne
agissant au nom de la Commission n'est responsable de l'usage qui pourrait
être fait des informations ci-après
Une fiche bibliographique figure â la fin de l'ouvrage
Luxembourg, Office des publications officielles des Communautés européennes, 1984
ISBN 92-825-4540-7
N° de catalogue: CD-NK-84-011-3H-C
© CECA-CEE-CEEA, Bruxelles • Luxembourg, 1984
Printed in Belgium ANDREOLI C
Station de Botanique et de Pathologie végétale - I.N.R.A.
B.P. 78. 06602 ANTIBES (France)
DI LONARDO V
Centro di studio per la patologia delle specie legnose montane
Istituto di Patologia e Zoologia forestale ed agraria
Piazzale delle Cascine 28, 50144 FIRENZE
Italia
MOTTA E
Istituto Sperimentale per la Patologia vegetale
Via C. G. Bertero 22
00156 ROMA (Italia)
NEMBI V
Centro di Studio per la Patologia delle Specie Legnose Montane, C.N.R.
Istituto di Patologia e Zoologia forestale e agraria, Università
P.le delle Cascine 28, 50144 FIRENZE (Italia)
PANCONESI A
Centro di Studio per la Patologia delle Specie Legnose Montane, C.N.R.
Istituto di Patologia e Zoologia forestale ed agraria, Università
P.le delle Cascine 28, 50144 FIRENZE (Italia)
PARRINI C
Regione Toscana
Osservatorio per le Malattie delle Piante
Piazza Edison 11, 50133 FIRENZE (Italia)
PONCHET J
Station de Botanique et de Pathologie vegetale - I.N.R.A.
B.P. 78, 06602 ANTIBES (France)
RADDI P
Centro di Studio per la Patologia delle Specie Legnose Montane
Piazzale delle Cascine, 28 - 50144 FIRENZE (Italia)
SAPONARO A
Istituto Sperimentale per la Patologia vegetale
Via C.G. Bertero 22
00156 ROMA (Italia)
XEN0P0UL0S S
Ministry of Agriculture
Forest Research Institute of Athens
Terma Alkmanos, ATHENS 11528
Greece
- Ill NECROLOGIO: VINCENZO GRASSO ( 1914-1983)
Il 17 marzo 1983 é venuto a mancare all'affetto dei suoi famigliari e a
quello dei suoi collaboratori e dei colleghi di Università il professore
Vincenzo Grasso dopo una vita intensa dedicata allo studio,ali'insegnamen­
to alla prassi cristiana. La sua scomparsa ha determinato un grande vuoto
attorno a coloro che lo conoscevano e lo stimavano e che partecipavano
quotidianamente della sua presenza e della sua ttività.Persona estremamen­
te estroversa,sapeva infondere a quelli che lo circondavano fiducia in se
stessi e nel proprio lavoro.
Negli ultimi dieci anni passati a Firenze come Direttore dell'Istituto di
Patologia e Zoologia forestale ed agraria,nonché come Direttore del Centro
di studio per la patologia delle specie legnose montane del C.N.R. riuscì
a far realizzare un notevole sviluppo delle ricerche nel campo della Pato­
logia Forestale,disciplina che,nel nostro Paese,da poco tempo era stata
affrontata in modo specialistico.
I problemi che erano stati avviati dal suo predecessore,prof.A.Biraghi,
da lui sono stati portati avanticon grande impulsoraggiungendo conoscenze
di base e possibilità applicative notevoli.
Possiamo ricordare le acquisizioni sulle malattie attualmente più perico­
lose degli alberi forestali a cominciare dal cancro del castagno,dal can­
cro del cipresso,che Grasso segnalò per primo in Italia,dalle ruggini del
pino,dalla grafiosi dell'olmo,alla moria del platano in Versilia: malattie
che, a causa della loro gravità e diffusione,hanno imposto un intenso sfor­
zo organizzativo per la ricerca e per individuare mezzi di lotta.Il prof.
Grasso ha promosso tutta una serie di iniziative che hanno posto in evi­
denza notevole la nostra sede sia in campo nazionale che internazionale.
Egli ha acquisito anche rilevanti meriti nel campo organizzativo promuo­
vendo instancabilmente la collaborazione del Ministero dell'Agricoltura
e delle Foreste,la Direzione generale per l'Economia Montana e le Foreste,
il Corpo Forestale dello Stato,la cui opera si é sempre mostrata preziosa
per la nostra attività,la Regione Toscana,le Province ed i privati che
trovarono in lui sempre un attento interlocutore per tutti i problemi
inerenti alla loro attività.
Tutta l'opera dello scomparso,anche nel campo dell'insegnamento,in cui
ha rifulso tutto il suo spirito di abnegazione e di fiducia verso i gio­
vani,é stata di sprone al lavoro ed alla concordia.
Ma oggi vorrei ricordare il prof. Grasso soprattutto come animatore e
promotore del Gruppo Agricoltura Mediterranea " Il cipresso:malattie e
difesa". Con la sua trascinante ed incalzante iniziativa ha saputo mette­
re a proprio agio i ricercatori francesi,greci ed italiani ponendo a loro
disposizione tutto ciò che era necessario per iniziare e sviluppare al
meglio una fattiva collaborazione: ha reso in poche parole AMICI persone
che fino ad allora avevano interessi solo di lavoro. Riunioni frequenti
e discussioni talvolta anche accese,ma sempre amichevoli,hanno fatto
conoscere ed apprezzare a tutti noi 1'umanità,1'esperienza e la prepara­
zione scientifica del prof. Grasso.
Si sente che tra di noi,in questa sala riuniti a parlare ancora di malat­
tie del cipresso e dei rimedi, manca una cara persona e prego i presenti
che a questa venga rivolto un affettuoso pensiero riverente.
Francesco Moriondo TABLE DES MATIERES
Page
Recherche de tests précoces du comportement des cyprès
à Coryneum cardinale 1
J. PONCHET, C. ANDREOLI
Etude comparée du comportement des cyprès à Florence
et à Antibes 9
C. ANDREOLI, A. PANCONESI, J. PONCHET, P. RADDI
Variabilité du pouvoir pathogène de C. cardinale 21
C. ANDREOLI, A. PANCONESI, J. PONCHET, P. RADDI
Effet de la nutrition minérale sur la réceptivité du
cyprès à C. cardinale 29
J. PONCHET, C. ANDREOLI
Miglioramento genetico del cipresso per la resistenza
al cancro 41
P. RADDI, A. PANCONESI, V. DI LONA'IDO
Prove di lotta contro il seiridium (Coryneum) cardinale 47
A. PANCONESI, V. NEMBI, C. PARRINI
Seiridium cardinale ed altre specie fungine su semi di
Cupressaceae 5
A. SAPONARO, E. MOTTA
Research on cypress canker disease in Greece 65
S. XENOPOULOS
LISTE DES PARTICIPANTS 71
VII -

Soyez le premier à déposer un commentaire !

17/1000 caractères maximum.