L'aedicula dei Lares Compitales nel Compitum degli Hermaistai à Delo - article ; n°1 ; vol.119, pg 89-123

-

Documents
37 pages
Obtenez un accès à la bibliothèque pour le consulter en ligne
En savoir plus

Description

Bulletin de correspondance hellénique - Année 1995 - Volume 119 - Numéro 1 - Pages 89-123
Oggetto del presente studio è l'identificazione de l'edificio denominato da R. Vallois «naïsque ionique», situato sul lato nord della cosiddetta «Agora des Hermaistes» ο «Agora des Compétaliastes». La tipologia architettonica del tempietto, la presenza nella cella di due piccole basi, simili fra loro, e infine la sua collocazione «propilea» all'interno dello spazio dell'« Agora», caratterizzata dal convergere di almeno quattro strade, hanno confronti precisi in determinati contesti topografici del mondo romano, che ci permettono di riconoscere in esso un' aedicula dedicata dagli Hermaistài alle divinità protettrici dei crocicchi (compila) e degli ingressi, i gemelli Lares Compitales. A partire da questa solu- zione si espongono alcune riflessioni e ipotesi di lavoro sulla natura giuridica e sul funzionamento dei collegia e dei loro magisiri a Delo.
Αντικείμενο της παρούσας μελέτης είναι η ταύτιση του οικοδομήματος γνωστότερου με το όνομα «naïsque ionique», που βρίσκεται στην βόρεια πλευρά της επονομαζόμενης Αγοράς των Ερμαϊστών ή Αγοράς των Κομπεταλιαστών. Ο αρχιτεκτονικός τύπος της μνημειακής κόγχης, ομοιά- ζων με πρόσοψη ναού, η παρουσία στο σηκό δύο μικρών βάσεων ιδίων διαστάσεων, καθώς επίσης η τοποθέτηση του ναίσκου σε θέση προπύλαιας λατρείας στο συγκεκριμένο αυτό χώρο, όπου συγκλίνουν τουλάχιστον τέσσερις οδοί, αποτελούν στοιχεία που εμφανίζουν ομοιότητες με ανάλογες μνημειακές και χωροταξικές διαρρυθμίσεις στη Ρώμη και μας επιτρέπουν να αναγνωρίσουμε στο ναίσκο της Δήλου μια λατινική aedicula, αφιερωμένη από τους Ερμαϊστές - Mercuriales στους προστάτες θεούς των σταυροδρομιών (compila), τους απεικονιζόμενους ως δίδυμους αδελφούς Lares Compilâtes. Στη συνέχεια εκθέτονται σκέψεις και υποθέσεις σχετικά με τη νομική φύση, τη δομή και τη λειτουργία των collegia και των magistri στη Δήλο.
The object of the present study is the identification of the building called by R. Val- lois an Ionic naiskos, located on the north side of the so-called Agora of the Her- maists or Agora of the Competialists. The architectural typology of the little temple, the presence in it of two small bases, similar to each other, and lastly its propylaea location within the area of the Agora, marked by the convergence of at least four streets, have exact parallels in specific topographical contexts in the Roman world, which enable it to be identified as an aedicula dedicated by the Hermaistai to the tutelary deities of the crossroads (compila) and the entrances, the twin Lares Compitales. This solution forms the basis for some reflections and working hypothèses on the juridical nature and function of the collegia and their magistri at Delos.
35 pages
Source : Persée ; Ministère de la jeunesse, de l’éducation nationale et de la recherche, Direction de l’enseignement supérieur, Sous-direction des bibliothèques et de la documentation.

Sujets

Informations

Publié par
Publié le 01 janvier 1995
Nombre de visites sur la page 24
Langue Romanian
Signaler un problème

Theodoros Mavrojannis
L'aedicula dei Lares Compitales nel Compitum degli Hermaistai
à Delo
In: Bulletin de correspondance hellénique. Volume 119, livraison 1, 1995. pp. 89-123.
Citer ce document / Cite this document :
Mavrojannis Theodoros. L'aedicula dei Lares Compitales nel Compitum degli Hermaistai à Delo. In: Bulletin de correspondance
hellénique. Volume 119, livraison 1, 1995. pp. 89-123.
doi : 10.3406/bch.1995.1643
http://www.persee.fr/web/revues/home/prescript/article/bch_0007-4217_1995_num_119_1_1643Riassunto
Oggetto del presente studio è l'identificazione de l'edificio denominato da R. Vallois «naïsque ionique»,
situato sul lato nord della cosiddetta «Agora des Hermaistes» ο «Agora des Compétaliastes». La
tipologia architettonica del tempietto, la presenza nella cella di due piccole basi, simili fra loro, e infine la
sua collocazione «propilea» all'interno dello spazio dell'« Agora», caratterizzata dal convergere di
almeno quattro strade, hanno confronti precisi in determinati contesti topografici del mondo romano, che
ci permettono di riconoscere in esso un' aedicula dedicata dagli Hermaistài alle divinità protettrici dei
crocicchi (compila) e degli ingressi, i gemelli Lares Compitales. A partire da questa solu- zione si
espongono alcune riflessioni e ipotesi di lavoro sulla natura giuridica e sul funzionamento dei collegia e
dei loro magisiri a Delo.
περίληψη
Αντικείμενο της παρούσας μελέτης είναι η ταύτιση του οικοδομήματος γνωστότερου με το όνομα
«naïsque ionique», που βρίσκεται στην βόρεια πλευρά της επονομαζόμενης Αγοράς των Ερμαϊστών ή
Αγοράς των Κομπεταλιαστών. Ο αρχιτεκτονικός τύπος της μνημειακής κόγχης, ομοιά- ζων με πρόσοψη
ναού, η παρουσία στο σηκό δύο μικρών βάσεων ιδίων διαστάσεων, καθώς επίσης η τοποθέτηση του
ναίσκου σε θέση προπύλαιας λατρείας στο συγκεκριμένο αυτό χώρο, όπου συγκλίνουν τουλάχιστον
τέσσερις οδοί, αποτελούν στοιχεία που εμφανίζουν ομοιότητες με ανάλογες μνημειακές και χωροταξικές
διαρρυθμίσεις στη Ρώμη και μας επιτρέπουν να αναγνωρίσουμε στο ναίσκο της Δήλου μια λατινική
aedicula, αφιερωμένη από τους Ερμαϊστές - Mercuriales στους προστάτες θεούς των σταυροδρομιών
(compila), τους απεικονιζόμενους ως δίδυμους αδελφούς Lares Compilâtes. Στη συνέχεια εκθέτονται
σκέψεις και υποθέσεις σχετικά με τη νομική φύση, τη δομή και τη λειτουργία των collegia και των
magistri στη Δήλο.
Abstract
The object of the present study is the identification of the building called by R. Val- lois an "Ionic
naiskos", located on the north side of the so-called "Agora of the Her- maists" or "Agora of the
Competialists". The architectural typology of the little temple, the presence in it of two small bases,
similar to each other, and lastly its "propylaea" location within the area of the "Agora", marked by the
convergence of at least four streets, have exact parallels in specific topographical contexts in the
Roman world, which enable it to be identified as an aedicula dedicated by the Hermaistai to the tutelary
deities of the crossroads (compila) and the entrances, the twin Lares Compitales. This solution forms
the basis for some reflections and working hypothèses on the juridical nature and function of the
collegia and their magistri at Delos.UAEDICULA DEI LARES COMPITALES
NEL COMPITUM DEGLI HERMAISTAI A DELO *
ΚαΙ 6 ό μέσα Ινας ίνας λιγοθυμισμένοι στό τόν μικρός βάθος αλλονα θεός τοϋ σκουντά πάνω τώρα λαράριου στον οί καΐ άθλιοι χώνονται, άλλον σκουντούφλα, Λάρητες, πέφτει ...
Κ. Kavafy
1. « Agora des Hermaïstes » ο « Agora des Compétaliastes » (GD 2) sono i nomi conven-
zionali che indicano negli studi di topografîa di Delo la piazza di forma trapézoïdale
(lungh. max. 60 m, largh. max. 32 m), pavimentata con lastre di scisto, che occupa l'area
aU'estremità méridionale del porto (fîg. l)1. Essa è delimitata a nord dal lato corto,
(*) Questo studio, nato durante un lungo soggiorno a Delo nell'estate 1992, è maturato nell'ambiente
antichistico dell' Université di Perugia. Devo soprattutto ringraziare il Prof. F. Coarelli e il Prof. M. Torelli che
hanno costantemente guidato i miei interessi greco-romani. Non avrei potuto affrontare la problematica senza
l'ospitalità concessami dalla «Maison de Délos» dell'EFA e dalla XXI Soprintendenza aile Antichità. Ho potuto
inoltre usufruire délie condizioni ideali allô studio dell'Archàologisches Institut e del Seminar fur Alte
Geschichte dell' Université di Freiburg i. Br. Al Direttore dell'École française d'Athènes, Prof. R. Etienne,
esprimo, infine, il mio più sentito ringraziamento per aver accolto e incoraggiato la pubblicazione dell'articolo.
Il testo italiano è stato corretto dall'amico Dr. M. Naflssi.
(Suite de la note page suivante.)
(1) La piazza fu scavata da E. Ardaillon tra il 25 giugno e il 1 settembre 1894 ; la relazione di Ardaillon,
«Fouilles», non fu seguita da una pubblicazione dei monumenti ; tuttavia, gli anathèmata posti sul lato setten-
trionale furonô inclusi nella di Vallois, EAD VII 1, p. 112-120. Una descrizione sommaria degli
edifici centrali si trova in Salviat, «Dédicace». Ardaillon non diede un nome alla piazza e neppure Jouguet,
«Inscriptions»; fu Jardé, «Fouilles», p. 6-7, a coniare il nome di «Agora des Compétaliastes», con cui essa
appare in Hatzfeld, «Les Italiens», p. 103, 164, nella guida di N. Kontoleon, 'Οδηγός της J^Aou (1950), p. 30 e
nella brève descrizione di Martin, Recherches, p. 444 ; Ph. Bruneau ha adottato in Bruneau-Ducat, Guide,
p. 114-117 la doppia denominazione, che tiene conto dei rapporti cronologici fra le due associazioni ; il termine
«Agora des Compétaliastes» ritorna negli ultimi studi : Bruneau, Recherches, p. 587-589; Id., «Deliaca (IV)»,
p. 107-116 e Fraisse, «Analyse», p. 307-310. THEODOROS MAVROJANNIS [BCH 119 90
méridionale, délia sioà di Filippo V, a est e a sud da una série di botteghe e magazzini che
si aprono sulla piazza, a ovest e a nord-ovest dal mare2.
Quattro assi viari si dipartono da questa zona di passaggio obbligato fra il porto, il
tèmenos di Apollo e la città3 : la strada che si âpre sull'angolo sud-est attraversa in
Ho utilizzato le seguenti abbreviazioni :
Accame, «La legislazione romana» = S. Accame, «La legislazione romana intorno ai collegi nel I sec. a.C»,
BCAR 70 (1942), p. 13-31.
Ardaillon, «Fouilles» = E. Ardaillon, «Rapport sur les fouilles du port de Délos», BCH 20 (1896), p. 428-
445.
Bakker, Living and Working = J. T. Bakker, Living and Working with the Gode. Studies of Evidence for prioate
Religion and its material Environment in the City of Ostia (100-500 AD), Dulsch Monographs on Ancient
History and Archaeology XII (1994).
Boehm, «Lares» = F. Boehm, RE XII 1 (1924), s.v. «Lares», col. 358-362.
Bruneau, «Deliaca (IV)» = Ph. Bruneau, «Deliaca (IV)», BCH 105 (1981), p. 107-116. Recherches = Ph. Recherches sur les cultes de Délos à l'époque hellénistique et à l'époque
impériale, BEFAR 217 (1970).
Bruneau-Ducat, Guide = Ph. Bruneau, J. Ducat, Guide de Délos3 (1981).
Coarelli, // Foro Romano I = F. Coarelli, // Foro Romano I. Periodo arcaico9 (1992). // Foro Boario — F. // Foro Boario. Dalle origini alla fine délia repubblica (1988).
Combet-Farnoux, Mercure romain = B. Combet-Farnoux, Mercure romain. Le culte public de Mercure et la
fonction mercantile à Rome de la république à l'époque augustéenne, BEFAR 238 (1980).
Flambard, «Politique populaire» = J.-M. Flambard, «Clodius, les collèges, la plèbe et les esclaves. Recherches
sur la politique populaire au milieu du Ier siècle», MEFRA 89 (1977), p. 133-146. «Collegia Compitalicia» = J.-M. «Collegia Compitalicia : phénomène associatif, cadres
territoriaux et cadres civiques dans le monde romain à l'époque républicaine», Ktèma 6 (1981), p. 143-166.
Flambard, «Magistri italiens» = J.-M. Flambard, «Observations sur la nature des "magistri" italiens de
Délos», in F. Coarelli, D. Musti, H. Solin (edd.), Delo e l'Italia, Opuscula Instituti Romani Finlandiae 2
(1983), p. 68-77.
Floriani-Squarciapino, «Lari» = M. Floriani-Squarciapino, EAA IV (1961), s.v. «Lari», p. 482-485.
Fraisse, «Analyse» = Ph. Fraisse, «Analyse d'espaces urbains : Les "places" à Délos», BCH 107 (1983),
p. 301-313.
Hatzfeld, «Les Italiens» = J. Hatzfeld, «Les Italiens résidant à Délos mentionnés dans les inscriptions de
l'île», BCH 36 (1912), p. 155-189. Les trafiquants — J. Les trafiquants italiens dans l'Orient hellénique, BEFAR 115 (1919).
ID = P. Roussel, M. Launey, Inscriptions de Délos. Décrets postérieurs à 166 av. J.-C. (not 1525-2219) (1937).
Jardé, «Fouilles» = A. Jardé, «Fouilles de Délos, I. Le quartier marchand au Sud du sanctuaire», BCH 29
(1905), p. 6-21.
Jouguet, «Inscriptions» = P. Jouguet, «Fouilles du port de Délos. Inscriptions», BCH 23 (1899), p. 56-85.
Martin, Recherches = R. Martin, Recherches sur l'Agora grecque (1954).
Merlin, L'Aventin — A. Merlin, L'Aventin dans l'antiquité, BEFAR 97 (1906).
Robert, Thymélé = F. Robert, Thymélé. Recherches sur la signification et la destination des monuments cir
culaires dans l'architecture religieuse de la Grèce, BEFAR 147 (1939).
Roussel, Délos = P. Roussel, Délos, colonie athénienne (1916).
Salviat, « Dédicace» = F. Salviat, « Dédicace d'un ΤΡΤΦΑΚΤΟΣ par les Hermaïstes déliens», BCH 87 (1963),
p. 252-264.
Vallois, EAD VII 1 = R. Vallois, Les Portiques au Sud du Hiéron, EAD VII 1 (1923).
Vitucci, «Lares» = G. Vitucci in De Ruggiero (éd.), Dizionario epigrafico di antichità romane IV 1 (1911), s.v.
«Lares», p. 394-406.
Wissowa, «Lares» = G. Wissowa, in W. H. Roscher (éd.), Ausfûhrliches Lexikon der griechischen und rômi-
schen Mythologie II 2 (1894-1897), s.v. «Lares», col. 1868-1898. Religion = G. Religion und Kultus der Rômer2, Handbuch der Altertûmer V 4 (1912).
(2) Ardaillon, «Fouilles», p. 435-437 sottolinea il gravitare di siffatta «place publique » intorno al bacino
méridionale del porto commerciale di Delo; Bruneau, «Deliaca (IV)», p. 107; Fraisse, «Analyse», p. 307-308.
(3) Hatzfeld, Les trafiquants, p. 342, riconosce tre vie confluenti nella piazza e cosi Salviat, « Dédicace»,
p. 259, ma le strade sembrano essere piuttosto quattro, se non anche cinque contando la piccola stenopôs al
centro del lato est. l'aedicula dei lares compitales nel compitum degli hermaistai a delo 91 1995]
Illustration non autorisée à la diffusion
Fig. 1. — Delo. L'« Agora des Hermaïstes» ο «Agora des Compétaliastes» (GD 2)
(dis. I. Athanassiadi ; Bruneau-Ducat, Guide, PI. I + II).
direzione all'inizio est in seguito sud l'intero «Quartier du Théâtre» e mette in comunica-
zione il porto con il nucleo più antico délie abitazioni private4. Dall'estremità sud-ovest
délia piazza comincia una seconda via che si sviluppa verso sud lungo le installazioni
portuali e la linea délia costa5. Una terza strada, muovendo dall'angolo nord-ovest, si
(4) Si tratta délia «Rue du Théâtre»; J. Chamonard, «Fouilles dans le Quartier du Théâtre», BCH 30
(1906), p. 562-606; sulla viabilità interna, Id., Le Quartier du Théâtre, EAD VIII 1 (1922), p. 75-87; sull'anti-
chità del quartiere, Ph. Bruneau, «Contributions à l'histoire urbaine de Délos», BCH 92 (1968), p. 639-640,
659-661, 667-671.
(5) Le questioni sulla genesi e lo sviluppo urbanistico délie installazioni portuali (estese per 400 m ca a
partire dalla piazza verso sud), scavate da Ardaillon, «Fouilles», p. 439-444 fino «à la pointe des Pilastres» e
poi da Jardé, «Fouilles», p. 6-40 e Id., «Fouilles dans le Quartier marchand (1904)», BCH 30 (1906), p. 632-664r
sono state riesaminate da Bruneau, «Deliaca (IV)», p. 107-112 : contro la tesi di J. Chamonard (EAD VIII 1,
p. 69-70), Ph. Bruneau ha dimostrato che la linea délia costa si trovava in un primo momento (metà-ultimo
quarto m sec. a.C.) immediatamente a ovest délia « Rue 5», mentre la strada davanti ai magazzini α, β, γ, era il
risultato dell'ulteriore sviluppo del «Quartier du Théâtre» nel h sec. a.C, in concomitanza con la creazione
dell'« Agora des Compétaliastes». THEODOROS MAVROJANNIS [BCH 119 92
dirige verso la parte settentrionale del porto accostando in successione il portico ionico
délia stoà di Filippo V e l'ala occidentale délia stoà dei Nassi, e collega cosi l'« Agora des
Hermaïstes» con l'« Agora de Théophrastos»6. Infine, dal passaggio principale, aperto
sull'angolo nord-est délia piazza, si creano due possibilité di percorso. : girando a nord si
raggiunge immediatamente il drômos monumentale di accesso al tèmenos, fiancheggiato
dalla stoà di Filippo V e dal «Portique Sud», proseguendo invece in direzione est, dopo
aver costeggiato l'« Agora des Déliens» ο Agora Tetragona si perviene ad un altro impor
tante crocevia che permette da una parte di volgersi a nord, lungo il muro di recinzione
orientale del tèmenos, dall'altra, verso sud, di accedere ai quartieri di abitazione7.
Dal punto di vista topografico dunque «l'Agora des Hermaïstes», oltre a costituire il
più importante luogo di transizione fra la zona méridionale del porto e il santuario, funge
anche da limite discriminante ira zona privata e zona propriamente sacra. Essa venne ad
occupare un taie posto nevralgico nellOrganizzazione dello spazio urbano di Delo soltanto
nella seconda meta del n sec. a.C. È stato recentemente ripreso in esame da Ph. Bruneau
il problema délia più antica linea del porto, che doveva probabilmente arrivare fîno ai
pressi dell'« Agora des Déliens»8. I grandi lavori di ampliamento délia zona sud-ovest del
santuario nel corso del m sec. a.C, resi necessari per la costruzione in un primo momento
del «Portique Sud» e successivamente délia sloà di Filippo V, crearono le premesse per la
futura sistemazione dell'« Agora des Hermaïstes»9. Questa avvenne dopo l'affluenza in
massa dei negotiatores italici nel porto franco di Delo in seguito alla aielèia del 167 a.C, in
un periodo che, in attesa délia pubblicazione dei monumenti, puô essere fissato grosso
modo intorno al 150 e non più tardi del 130 a.C10. Infatti l'« Agora des Hermaïstes» ο
«Agora des Compétaliastes » deve il suo nome al ritrovamento in essa di una imponente
documentazione epigrafica, che vi testimonia l'attività a partire dal 150 a.C ca di un
(6) Ardaillon, «Fouilles», p. 432-437, offri una descrizione dei vari settori del bacino portuale in età
tardo-ellenistica e riconobbe nella parte delimitata dalle due « Agorài » il porto sacro ; la strada lastricata non
formerebbe un molo vero e proprio, arriverebbe piuttosto in leggera pendenza fino alla riva del mare ; cfr. lo
studio, uscito postumo, di J. Paris, «Contribution à l'étude des ports antiques du monde grec», BCH 40 (1916),
p. 5-73.
(7) L'incrocio è contraddistinto dalla presenza del «Monument de Tritopâtor des Pyrrhakides» (GD 85),
databile al ν sec. a.C; v. Bruneau-Ducat, Guide, p. 211-212; Fraisse, «Analyse», p. 310; sulla sinistra del
crocicchio si âpre un vasto spazio a forma di triangolo, i cui lati verticali sono costituiti a ovest dal portico
orientale dell'« Agora des Déliens», a est da una série di case e botteghe ; presso l'angolo nord-ovest dell'isolato,
all'incrocio con il muro del tèmenos che qui gira ad angolo, F. Pesando, «Nota di topografia délia», Ostraka 2, 1
(1994), p. 108 e n. 21, ha riconosciuto una piccola cappella di culto.
(8) Martin, Recherches, p. 443-444 e soprattutto Bruneau, «Deliaca (IV)», p. 107, su cui v. supra n. 5.
(9) Fraisse, «Analyse», p. 307-308 : l'autore pone l'accento sulla nécessita che si presentava dopo le
trasformazioni del m-ii sec. a.C. di dotare l'area di un ampio spiazzo di sbarco in funzione dell'ingresso monu
mentale nella parte sud del santuario ; cfr. Martin, Recherches, p. 444 e n. 1 ; Vallois, EAD VII 1, p. 112-119,
143.
(10) Hatzfeld, «Les Italiens», p. 102-111 e spec. 104 n. 2, si esprime per gli anni intorno al 150 a.C. ; al
125 a.C. ca Bruneau, «Deliaca (IV)», p. 107-112. Il dibattito moderno sulla cronologia délia presenza degli
Italici a Delo è stato criticamente riconsiderato, individuando le diverse tendenze délia ricerca, da D. Musti,
«Un secolo di studi su Delo ellenistico-romana », in F. Coarelli, D. Musti, H. Solin (edd.), Delo e l'Italia, Op.
Inst. Rom. Fini. 2 (1983), p. 1-12. Allô stato attuale è communis opinio che gli Italici, già presenti alla fine del m
sec. a.C, siano arrivati in massa in due ondate che ne accelerarono l'afflusso dopo il 167 e soprattutto dopo il
125 a.C; cfr. Bruneau-Ducat, Guide, p. 74; sempre utile Hatzfeld, Les trafiquants, p. 30-38, 178-180. l'aedicula dei lares compitales nel compitum degli hermaistai a delo 93 1995]
gruppo rinnovabile di sei magistri Mirquri11, ingenui e liberti originari dell'Italia méridion
ale, designati in greco con il termine di Hermaistai12, cui segue la comparsa intorno al
100 a.C. di una seconda associazione, solitamente di dodici personaggi, quasi sempre di
condizione servile, chiamati con il nome greco Kompetaliastài13. Hermaistai e Kompeta-
liastài onorarono qui con una série di dediche le loro divinità protettrici 14.
Non vi è alcun dubbio che la piazza in proposito abbia assunto fin dall'inizio le
caratteristiche di una zona pubblica sacra dedicata a divinità italiche. Sebbene fînora non
sia stato esplicitamente affermato, i due edifici posti al centro délia piazza, lungi da essere
dei semplici monumenti 15, sono da considerare edifici di culto, corne dimostra per lo meno
(11) II termine appare chiaramente solo in ID 1753, 1. 13 : Magistreis . Mirquri . Apollini(s) etc. ; in ID
1731-1733, gli Ermaisti compiono dediche in onore di Hermes-Mercurio e Maia (v. anche ID 1737, a Hermès e
ID 1750, a Maia).
(12) Agli Ermaisti sono state attribuite da Roussel e Launey 20 iscrizioni (ID 1731-1750), per la maggior
parte bilingui, databili fra il 150 ca e il 57-55 a.C. ; in seguito si è aggiunta l'iscrizione pubblicata da F. Salviat
in BCH 87 (1963). Nell'« Agora des Compétaliastes» furono ritrovate 14 dediche, di cui 5 eseguite esplicitamente
dagli Hermaistai (ID 1731-1734 e BCH 87 [1963]) e 6 implicitamente con la formula οι αυτοί (ID 1744-1749) ; nelle
rimanenti 3 (ID 1738-1740) gli Ermaisti sono riconoscibili grazie al numéro (6) dei raggrupamento ; per il resto,
3 iscrizioni provengono dall'« Agora des Italiens» (ID 1735-36; 1742), 1 (ID 1737) dall '«Agora de Théophrastos »,
1 (ID 1750) dall' Agora Tetragona e 1 (ID 1743) da Tenos. Gli Ermaisti compaiono fra i dedicanti, insieme agli
Apolloniasti e i Posidoniasti, in altre 5 dediche : 2 (ID 1753-1754) dalle vicinanze délia «Salle Hypostyle», 2
(ID 1757-1758) dall'«Agora des Italiens», e 1 (ID 1755) copiata da Ciriaco di Ancona.
(13) 12 iscrizioni con testo solo in greco : 9 certe (ID 1760-1766; 1769-1770) e 3 molto probabili (ID
1767-1768; 1771); tutte tranne 2 (ID 1767 e 1770, trovate fuori posto) provengono dall'« Agora des Compétal
iastes»; le 5 sicuramente datate formano una sequenza cronologica : ID 1760, 99/8 a.C. (arconte Theodôsios),
ID 1761, 98/7 a.C. (arconte Medéios), ID 1762, 96/5 (?) a.C. (arconte Aropos), ID 1763, 94 a.C. (consoli C. Coelius
Caldus e L. Domitius Ahenobarbus) ; ID 1764, 93 (consoli C. Valerius e M. Herennius) ; il 99 a.C. costituisce
chiaramente un terminus ante quem per l'istituzione dei collegio ; sui Kompetaliastài cfr. Bruneau, Recherches,
p. 615-620.
(14) La discussione intorno alla natura di questi raggrupamenti rimane tuttora aperta, malgrado una série
di importanti contributi negli ultimi anni. Il quadro riassuntivo délie varie posizioni in Flambard, «Magistri
italiens», p. 71-78; soprattutto p. 67 n. 1 e p. 68 n. 3; anche Bruneau, Recherches, p. 586-587; Combet-Far-
noux, Mercure romain, p. 412-424. Dalla menzione fra gli Hermaistai dedicanti un ΤΡΤΦΑΚΤΟΣ di un L. Mani-
lius L. f., che in ID 1730, 1. 3 appare corne Apolloniastès, Salviat, «Dédicace», p. 258-259 (con riassunto), ha
creduto di poter ricavare la prova che la comunità degli Italici, benchè non organizzata secondo il principio dei
conoentus (teoria di E. Kornemann, De civibus Romanis in provinciis Imperii [1891], p. 30-60 ; A. Schulten, De
conventibus civium Romanorum [1892], p. 71-82; W. S. Ferguson, Hellenistic Athens [1911], p. 452-453), fosse
tuttavia retta da vincoli di effettiva solidarietà (posizione intermedia di A. E. R. Boak) : gli Ermaisti e gli altri
collegi sarebbero cariche rappresentative di magistrati annuali, delegati dall'intera colonia per prendere cura dei
culti comuni (curatores fanorum); cosi anche Bruneau, Recherches, p. 586-587 e Combet-Farnoux, Mercure
romain, p. 416-417 ; contra Flambard, «Magistri italiens», p. 68-69, 76-77 che difende la tesi dell'autonomia dei
magistri : magistri collegiorum (collegia = associazioni professionali) senza conventus, ritornando alla posizione di
Hatzfeld, Les trafiquants, p. 262-265, sostenuta anche da A. J. N. Wilson, Emigration from Italy in the Repu-
blican Age of Rome (1966), p. 100-120; centrale nel dibattito la definizione dei rapporto giuridico con i magistri
campani; la documentazione è raccolta in A. Degrassi (éd.), ILLRP II, n° 705-723 b per Capua e n° 724-746
per Minturnae; A. E. R. Boak, «The magistri of Campania and Delos», CPh 11 (1915), p. 25-45; J. Heurgon,
«Les magistri des collèges et le relèvement de Capoue de 111 à 71 av. J.-C», MEFRA 56 (1939), p. 12-27;
Accame, «La legislazione romana», p. 17-23; M. W. Frederiksen, «Republican Capua : A Social and Econo
mie Study», PBSR 27 (1959), p. 83-94 e la sintesi délia questione in Id., in N. Purcell (éd.), Campania (1984),
p. 264-267; da ultimo Flambard, «Politique populaire», p. 133-135 e n. 82-83.
(15) Ardaillon, «Fouilles», p. 435-436 parla di «deux petits édifices» ο «monuments»; per quanto
concerne l'ediflcio rettangolare pensava che si trattasse ο di una base oppure di un altare ; Jouguet, « Inscrip
tions», p. 58, non esito invece a definirlo «un petit ναός» e con grande acume colse, pur identificando erronea- 94 THEODOROS MAVROJANNIS [BCH 119
l'iscrizione dedicatoria dell'edificio a pianta quadrata, un naos consacrato a Hermès e a
Maia. Sono edifici templari di pianta particolare, insolita per le tipologie dei templi greci,
corne particolari erano anche le condizioni politiche ed economiche che favorirono la
formazione di una comunità di Italici in un santuario greco. In taie esempio di fenomeno
acculturativo i mercatores italici, pur essendosi formalmente grecizzata la denominazione
délie divinité e dei rispettivi collegi16, riportarono, corne vedremo, dall'Italia i propri
culti patrii e conservarono le qualité religiose, strutturali, dei loro dei, scegliendo con
attenzione la tipologia architettonica per il luogo di culto di ciascuno di essi17.
Corne si è detto al centro délia piazza s'innalzano due edifici (fig. 1). Qui non ver-
ranno trattati oltre la semplice descrizione, essendo in atto la loro pubblicazione. Dell'e
dificio méridionale a pianta quadrata (5,60 m ca per lato a livello di euthynteria) si conser-
vano l'alta crepidine a forma di podio rastremato, costituita da quattro gradini di
marmo, e frammenti degli ortostati laterali. Alcuni blocchi di architrave con un fregio
dorico di 10 triglifi e 9 métope (lungh. teor. 4,04 m) sono verosimilmente pertinenti all'e-
dificio, che sarebbe pertanto ricostruibile corne un'edicola con due colonne sulla fronte ;
su questo epistilio è incisa l'iscrizione bilingue ID 1731 (E 261) 18 :
f.'
M\ M [ardus M\ f. (o t.), N. Obellius M. (o M\) (o l.) ] ius C. l.
M. Lo[llius Q. f. (o t.), Sp. Anicius M. (o M'.) f. (o L) ] us N. f.
Ma[gistreis Mercurio et Maiae fejcerunftj.
Μάνιος Μαάρκιος Μανίου, Νε[μ]έ[ριος Ό]βέλλιος Μα[ , - -ιος Γαίου],
Μάαρκος Λόλλιος Κοίντου, Σπόρι[ος] Άνέκιος Μ[ , - -ιος Νεμερίου],
οί Έρμαισταί Έρμεΐ καί Μαίαι τον να[ον άνέθηκαν] .
mente gli edifici con dei lararia, la caratteristica macroscopica délia piazza : «deux petites chapelles de
marbre... l'Athénien débarqué à Délos aurait pu se croire là dans une ville d'Italie : ces chapelles (lararia)
convenaient moins à une agora hellénique qu'à un compitum à la romaine»; Hatzfeld, «Les Italiens», p. 164-
166, optô per una soluzione intermedia ; riconobbe nell'edifîcio circolare recintato un santuario con capella (di
Mercurio), altari e statue, il centro dei culto degli Ermaisti, ma considéré il «monument carré» corne una énorme
base ; N. Kontoleon, '08-ηγας της Δήλου (1950), p. 30, ne accetta le ipotesi : tempietto circolare e grande base a
forma di tempio; in Bruneau-Ducat, Guide, p. 75, si dà una descrizione sommaria degli edifici, chiamati
semplicemente «deux petits monuments»; cfr. tuttavia Bruneau, Recherches, p. 587-588, dove si parla di
«installations cultuelles» : «petite rotonde tétrastyle» e «petit édifice dorique»; Martin, Recherches, p. 444.
(16) Si vedano le puntualizzazioni di Flambard, «Magistri italiens», p. 75 sui nomi in -ισταί.
(17) Si confronti l'adattamento dei modello templare greco aile normative giuridico-religiose délia aedes
latina in F. Coarelli, «Cultura artistica e società», in Storia di Roma 2, 1 (1990), p. 162-165 e 159-162 sul
fenomeno acculturativo in générale.
(18) Sull'iscrizione, P. Roussel, J. Hatzfeld, BCH 34 (1910), p. 402, n° 52 e il commente in ID 1731. La
ricostruzione architettonica deU'edificio resta molto incerta (non sono stati trovati frammenti di colonne).
Bisogna ricordare i dubbi di Hatzfeld, «Les Italiens», p. 164 n. 2, secondo cui i blocchi iscritti non sarebbero
pertinenti al «monument carré», identificabile con una base, ma a un ignoto «petit monument dorique» nei
pressi dell'« Agora des Compétaliastes» (cfr. Ardaillon, «Fouilles», p. 436 : base o altare). Roussel e Launey (ID
1731, 107-108) parlano quindi deirepistilio «d'un petit temple situé sans doute près de l'Agora des Compétal
iastes». Jouguet, «Inscriptions», p. 58, aveva giustamente definito «l'édifice carré» quale piccolo ναός. È Sal-
viat («Dédicace», p. 259 n. 4), che mette in relazione l'epistilio con l'edificio esistente (sarebbero i blocchi
dell 'architrave délia facciata); Bruneau, Recherches, p. 588 cita l'epistilio, che «appartenait à un petit édifice
dorique à quatre colonnes de façade», senza rapportarlo al tempietto ; diversamente in Bruneau-Ducat, Guide,
p. 75, dove il rapporto appare ristabilito ; cfr. Roussel, Délos, p. 272 n. 3. l'aedicula dei lares compitales nel compitum degli hermaistai a delo 95 1995]
Si tratta dunque di un ναός dedicato non soltanto a Hermès ma alla coppia formata
da Hermès e da Maia19. È questa nella religione romana la coppia tutelare dei mercatores.
Da una parte sappiamo infatti che Yaedes Mercuri ad Circum Maximum era dedicata non
soltanto a Mercurius ma anche a Maia20, dall'altra che il aies natalis dei tempio, il
15 maggio21, era un giorno di festività per il collegium mercatorum22, i cui membri, posti
sotto la protezione dei dio dei commercio23, erano chiamati Mercuriales 24. In corri-
spondenza quindi con quanto sappiamo sul collegium mercatorum a Roma la dedica a Delo
fu fatta dagli Ermaisti — la traduzione pedissequa di Mercuriales — e non dai Competa-
liasti ο da entrambi le associazioni insieme. E fu fatta a due divinité italiche : Mercurius e
Maia2b. Secondo Roussel e Launey la cronologia délia dedica andrebbe fissata negli anni
intorno al 140 a.C, poichè fra i dedicanti appare un M. Lollius, con ogni verosimiglianza
(19) II termine corrispettivo nella versione latina poteva essere aedes, senza poter escludere aedicula ; nel
primo caso ci sarebbe lo spazio per restituire de suo (cfr. ID 1754, 1756) : Mafgistreis Mercurio et Maiae de suo
aedem ? fejcerunft].
(20) I testimonia sono raccolti in G. Lugli, Fontes ad topographiam veteris urbis Romae pertinentes VIII
(1969), p. 364-367 ; Wissowa, Religion, p. 304 n. 6 ; nei fasti ceretani, CIL I2, p. 213 : Maiae ad circ(um)
m(aximum), nei fasti venusini, CIL I2, p. 221 : Mercur(io) Maiae; cfr. CIL I2, p. 318 (ad diem 16 Mail) :
Mercurio Maiae ad circ(um) M(aximum).
(21) CIL I2, p. 318; Fest., p. 135,4 L; Martial., XII 67,1 ; VII 74,5; Cens., XXII 12.
(22) Macrob., Saturn. I 12,19 : hoc mense (Maio) mercatores omnes Maiae pariter Mercurioque sacrificant',
Lyd., De mens. IV 80, p. 132 W (entrambi menzionano sacrifici comuni a Mercurio e a Maia) ; Fest., p. 135,4 L ;
Ovid., Fast. V 669-670; v. D. Sabbatucci, La religione di Roma arcaica (1988), p. 158-161; Livio (II 27,5)
racconta che contemporaneamente alla dedica dei tempio nel 495 a.C, il popolo avrebbe istituito anche un
collegium mercatorum incaricato dell'amministrazione dell'annonct (cfr. Liv., II 21,7 : aedes Mercuri dedicata est
idibus Maiis, e Val. Max., IX 3,6). Hatzfeld, Les trafiquants, p. 272 e n. 1, non dava credito al passo di Livio,
come faceva invece Merlin, L'Aventin, p. 181-184 ; contro l'antichità délia tradizione annalistica anche
Combet-Farnoux, Mercure romain, p. 39-42 (un anacronismo délia tarda repubblica), 44-48 (tesi di una sacra
sodalHas Mercuri); sui magislreis conlegi mercatorum a Capua {CIL I2 672 = ILLRP n° 705, dei 112/111 a.C),
attivi negli stessi anni in cui compaiono i magislreis Mirquri a Delo, v. Accame, «La legislazione romana», p. 18
e n. 37.
(23) Ogni collegio professionale, anche quelli che non sono indicati con il nome di una divinità, era unito
sotto la protezione di questa e ne curava il culto ; per il vero, le testimonianze epigrafiche raccolte da
J. P. Waltzing, in De Ruggiero (éd.), Dizionario epigrafico di antichità romane II 1 (1900), s.v. «Collegium»,
p. 358.
(24) CIL XIV 2105, di età augustea da Lanuvio : A. Castricius Myrio. . . mag(ister) coll(egii) Lupercor
(um) et Capitolinor(um) et Mercurial(ium); Cic, Ad Quint, fr. II 5,2 (56 a.C); cfr. CIL VII 1069 (cultores
Mercurii); W. Kroll, RE XV 1 (1931), s.v. «Mercuriales», col. 974; sull'equivalenza collegium mercatorum e
collegium Mercurialium, E. Kornemann, RE IV 2 (1901), s.v. «Collegium», col. 384 ; Wissowa, Religionfip. 305
e n. 3; cfr. A. Degrassi, «I magistri Mercuriales di Lucca e la dea Anzotica di Aenona», Athenseum 15 (1937),
p. 294-296. La prima iscrizione dimostra che il Mercurialis non è il magister collegi mercatorum, ma ogni mercator
membro dei collegium ; cosi Merlin, L'Aventin, p. 183-184 ; contra Combet-Farnoux, Mercure romain, p. 48-51,
284-300, 415 (con argomenti poco convincenti) ; cfr. Flambard, «Magistri italiens», p. 67-77; F. Coarelli,
«L'"Agora des Italiens" a Delo : il mercato degli schiavi?», in F. Coarelli, D. Musti, H. Solin (edd.), Delo e
l'Italia, Op. Insl. Rorn. Fini. 2 (1983), p. 134.
(25) Combet-Farnoux, Mercure romain, p. 314-328 (sulla relazione originaria di Maia con Vulcano e sul
successivo collegamento di Maia con Mercurio) ; in part, su Delo, ibid., p. 420 : «l'association de Maie à Mercure,
rituelle à Rome, se manifeste à Délos seulement au temps où prospéra la colonie italienne, (...) elle indique que
les Italici avaient apporté avec eux dans l'île le culte de Mercure romain»; v. ID 1732 (E 240) : dedica di una
statua da parte di 6 Hermaistai «a Hermès e a Maia» (150-125 a.C.) ; ID 1733 (E 260) : ortostato anteriore di una
grande base con dedica degli Hermaistai «a Hermès e a Maia» (ca 125 a.C). THEODOROS MAVROJANNIS 96
Illustration non autorisée à la diffusion
Fig. 2. — «Agora des Hermaïstes». Rilievo del monôpteros (dis. inedito I. Athanassiadi, EFA n° 2384).
lo stesso personaggio che dedica una corona dora ta nel Serapèion nell'anno 146/5 ο
145/4 2β.
Immediatamente a nord è situato il secondo edificio 27, da considerare anche esso un
tempio, dedicato a una divinité rimasta finora sconosciuta, che si voile tuttavia chiara-
mente distinguere da Hermès e da Maia costruendo a tal fine un'edificio a pianta circolare
(fîg. 2). Si conservano i 9 blocchi del primo gradino délia crepidine (diam. 2,88 m) e 4 degli
(26) ID 1442 B, 1. 62-63 (cfr. ID 1744). Il personaggio s'identifica con M. Loli(us) Q. f. (fort. L) magister a
Capua (ILLRP 723b); Flambahd, «Politique populaire», p. 138.
(27) Ardaillon, «Fouilles», p. 435; Jouguet, «Inscriptions», p. 58; Hatzfeld, «Les Italiens», p. 103-