SCARICARE IL FATTORE BRUCIA GRASSO PDF

De
Publié par

LIBRO IL FATTORE BRUCIA GRASSO PDF DOWNLOAD GRATIS.SCARICARE IL FATTORE BRUCIA GRASSO SISTEMA COMPLETO.
Scaricare Libro Il Fattore Brucia Grasso PDF, Libro Il Fattore Brucia Grasso PDF Gratis, Scaricare Il Fattore Brucia Grasso – SISTEMA COMPLETO, Il Fattore Brucia Grasso Sistema Completo Pdf Scaricare, Pdf Il Fattore Brucia Grasso Gratis, il fattore brucia grasso recensioni, Il Fattore Brucia Grasso pdf download, libro il fattore brucia grasso pdf download gratis.
Publié le : mardi 18 octobre 2016
Lecture(s) : 1 088
Nombre de pages : 45
Voir plus Voir moins
Cette publication est accessible gratuitement

Regole per
Accelerare il 7
Metabolismo
COME TRASFORMARE IL TUO FISICO IN
UNA MACCHINA BRUCIA-GRASSI
1CAPITOLO 1: CAPIRE IL METABOLISMO
1.1 Cos'è il metabolismo?
1.2 I diversi tipi di metabolismo
1.2.1 Metabolismo lento
1.2.2 Metabolismo neutro
1.2.3 Metabolismo veloce
1.3 Sei lento, veloce o neutro?
1.4 Il rapporto tra metabolismo e peso corporeo
CAPITOLO 2 : LA DIETA SECONDO IL METABOLISMO
2.1 Imparamo a vivere la dieta
2.2 Il segreto del picco metabolico
2.3 Cosa, quanto e quando mangiare
2.4 7 Regole per accelerare il metabolismo
2.5 Gli alimenti amici del metabolismo
CAPITOLO 3 : QUALE ATTIVITA' FISICA ?
3.1 L'esercizio fisico:sì, ma quale?
3.2 Allenamento aerobico e anaerobico: alla ricerca di una sinergia
3.3 Esercizio fisico con i pesi: un'opportunità in più
3.4 L'allenamento cardiovascolare a intervalli
3.5 Variare:questo è il segreto
CAPITOLO 4 : UN AIUTO DALLA NATURA
4.1 Le erbe che agiscono sul metabolismo
4.2 I benefici delle alghe
4.3 I vantaggi della luce del sole
CAPITOLO 5 : DALLA TEORIA ALLA PRATICA
5.1 La Dieta per riattivare i grassi
5.2a-Urto per accelerare il metabolismo
La Dieta del respiro
2 INTRODUZIONE
Metabolismo. Forse non vi è parola usata più frequentemente di questa in riferimento
alla necessità di voler perdere peso . Molte persone semplicemente non afferrano il
concetto di metabolismo. Vi sono talmente tante informazioni che circolano, la
maggior parte delle quali sulla rete o tramite un' “amica di un'amica”, che la
conseguenza non può che essere il crearsi di una situazione di confusione e di
messaggi contrastanti. Inoltre, molte persone (del tutto comprensibilmente)
interpretano erroneamente i propri cambiamenti di peso come attinenti al
metabolismo. Talvolta è vero, ma spesso no. Ad esempio, come avremo modo di
approfondire in questo volume, ci sono metodi scientifici per aumentare il tasso
metabolico e, pertanto, consentire al corpo di bruciare un maggior numero di calorie.
Assumere certuni cibi con maggior frequenza è uno dei modi per ottenere questo
risultato (tema che torneremo nuovamente ad affrontare da vicino nel secondo
capitolo). Il punto da tenere presente qui è che alcune persone confondono i propri
tentativi di perdere peso e spesso i propri insuccessi come dovuti al metabolismo o al
cambiamento di questo; un'altra ragione importante che la gente non ha chiara in
mente, è che sfortunatamente esistono molte informazioni incoerenti su questo
argomento, dovute alla presenza sul mercato di una gran quantità di aziende di
generi alimentari e integratori che non intendono farvi sapere la verità.
Vogliono farvi credere che acquistare costantemente alimenti “a basso contenuto di
grassi” serva in qualche modo ad accelerare il vostro metabolismo. Mentre, è vero,
alcuni alimenti a basso contenuto di grassi possono essere efficaci in un programma
alimentare generale designato ad accelerare il metabolismo, ma il semplice fatto di
mangiare alimenti provenienti da confezioni che gridano “BASSO CONTENUTO DI
GRASSI!” non servirà a nulla.
In effetti, che lo si creda o meno, attualmente molte persone ingrassano proprio
mangiando troppi prodotti “a basso contenuto di grassi”. Un gran numero di questi
prodotti è carico di calorie. Come potete vedere, e probabilmente provare, si tratta di
una situazione spiazzante, stressante e potenzialmente deprimente. Ogni anno,
3decine di milioni di persone cercano di riprendere il controllo sulla propria salute e
sulla forma del proprio corpo; ed ogni anno, decine di milioni di persone sentono di
aver “fallito”, poiché, per quanto ci provino, proprio non riescono ad accelerare il loro
metabolismo.
Questo volume è l'antidoto a quel modo di pensare e di sentire, perché il senso di
fallimento provato non è un fallimento in alcuna di queste persone a dieta che
lavorano duro e che fanno esercizio fisico (una delle quali potreste essere voi stessi).
L'insuccesso dipende da tutte le fonti di informazione nel loro insieme, che hanno
semplicemente omesso di fornire alla gente le indicazioni di cui hanno bisogno per
riuscire ad accelerare il proprio metabolismo. Ed ecco perchè il presente volume è
stato scritto; per i milioni di persone comuni che, come noi, vogliono semplicemente
sapere come fare ad accelerare il proprio metabolismo e come perdere peso nel
modo più giusto, salutare e responsabile.
Il materiale che leggerete di seguito è il frutto di anni di acceso confronto con decine
di migliaia di persone che animano la più grande comunità di diete in Italia. Grazie a
loro e grazie a Miadieta, abbiamo avuto l' opportunità di ascoltare tutte le loro
esigenze, dubbi, frustrazioni e spesso successi, e soprattutto abbiamo avuto la
possibilità di approfondire una nostra passione.
Un Club di grazie particolare va a tutte le “dietonaute”, che con la loro attività nel
Miadieta ci forniscono giornalmente il materiale su cui lavorare.
4 CAPITOLO 1: CAPIRE IL METABOLISMO
1.1 Cos'è il metabolismo?
Senza entrare nella specificità dei trattati di medicina, non necessari per lo scopo di
questo libro, è sicuramente di aiuto cominciare con un piccolo accenno descrittivo dei
meccanismi biologici che caratterizzano il metabolismo.
Il termine metabolismo, infatti, indica in modo generico tutti i processi biochimici che
avvengono nel nostro organismo, e che implicano trasformazioni della materia
legate a variazioni della condizione energetica.
Ai fini di questo lavoro, possiamo definire il metabolismo come l'insieme dei processi
atti a trasformare il cibo che ingeriamo in energia.
Se non ci fosse il metabolismo, quindi, non riusciremmo a muoverci, perché il nostro
organismo non sarebbe in grado di produrre l'energia necessaria.
La prossima volta che qualcuno ti dirà «Ho il metabolismo fermo», saprai cosa
rispondergli!
Per comprendere più in profondità cosa sia il metabolismo, però, bisogna partire dai
due meccanismi che lo compongono: quello anabolico e quello catabolico.
Il processo catabolico è una reazione chimica che permettere di suddividere le
sostanze complesse in altre via via più semplici, ed è sempre associato alla
liberazione di energia. Durante un allenamento aerobico, per esempio, tutti noi
sappiamo che aumentano sia la temperatura corporea che il battito cardiaco.
Di conseguenza aumenta anche la frequenza del nostro respiro, e questo avviene
perché abbiamo bisogno di maggiore ossigeno.
Come potete facilmente immaginare, tutti questi meccanismi innescati dall'attività
fisica richiedono maggiore energia.
5Presumiamo adesso che le attività finora descritte non siano sufficienti ad assicurare
al nostro organismo il giusto quantitativo addizionale di energia. Ecco allora che, in
questo caso, il nostro corpo comincerebbe a reperire l'energia necessaria dal cibo,
sotto forma di calorie, trasformandolo in energia.
Il processo anabolico, invece, mette in atto il meccanismo inverso: da sostanze
semplici genera sostanze più complesse, e per farlo consuma energia. Questo
avviene, per esempio, quando ci provochiamo per sbaglio una ferita. Se ci tagliamo
un dito, il nostro organismo mette in moto una serie di processi che hanno come
ultimo scopo quello di creare le cellule necessarie per bloccare la fuoriuscita di
sangue.
Ogni molecola che partecipa attivamente al metabolismo è detta metabolita, e
l'equilibrio dei due processi, anabolico e catabolico, permette all'organismo di
ottenere l'energia e il nutrimento da utilizzare per il corretto funzionamento di tutti i
suoi apparati.
La quantità minima di energia necessaria perché questo avvenga senza intoppi,
viene definita metabolismo basale. Paradossalmente, anche se restassimo immobili
per 24 ore, il nostro corpo avrebbe comunque bisogno di una determinata quantità di
energia per far funzionare gli organi e mantenere la temperatura interna di 37 gradi.
Questa energia vitale viene fornita dalle calorie basali, che rappresentano appunto la
quantità minima di energia necessaria per far funzionare il corpo in situazione di
riposo.
Il calcolo di questa quota calorica è piuttosto semplice, e fornisce risultati
sorprendenti. Ecco un esempio: una donna di 35 anni, che pesa 60 chili, ha un
metabolismo basale pari a 1351 calorie. Ciò significa che questo è l'apporto
strettamente necessario per tutte le funzioni del suo corpo, e che deve essere
assicurato con qualsiasi dieta.
Vuoi conoscere anche tu il tuo metabolismo basale? Ti basterà applicare una
6semplice formula.
Moltiplica il tuo peso per il coefficiente fisso che trovi nella colonna sinistra della
tabella, e aggiungi il numero fisso riportato in quella destra. Come puoi vedere,
risalire al nostro 1351 è semplice: 60 (kg) x 8,7 (coefficiente femmine da 31 a 60 anni)
+ 829 (numero fisso)
Età e Sesso Coefficiente Numero fisso
Maschi da 18 a 30 anni 15,3 679
Femmine da 18 a 30 anni 14,7 496
Maschi da 31 a 60 anni 11,6 879
Femmine da 31 a 60 anni 8,7 829
Maschi oltre i 61 anni 13,5 487
Femmine oltre i 61 anni 10,5 596
Fonte: comitato misto FAO/OMS/ONU
Accanto al metabolismo basale, ai fini della diet a è importante conoscere anche il
metabolismo intermedio, che è direttamente collegato all'alimentazione.
Il suo meccanismo è stato analizzato e decifrato dal biochimico statunitense George
Watson, che dopo vent'anni di studi (1952 1972) e migliaia di casi analizzati, ha
scoperto che ognuno di noi ha una propria tendenza ad assimilare in modo maggiore
o minore certe sostanze rispetto ad altre: è il nostro metabolismo intermedio, che
viene influenzato dal tipo di alimenti ingeriti e dalla qualità e quantità delle varie
secrezioni ormonali.
Al momento della nascita, tutti siamo dotati di un metabolismo neutro, cioè ottimale
per la crescita, in grado di assimilare al meglio tutte le sostanze nutritive ingerite con il
cibo. Nel corso degli anni, però, il metabolismo si può alterare, anche a causa di
fattori ereditari, virando verso le tipologie descritte nel prossimo paragrafo.
71.2 I diversi tipi di metabolismo
Secondo la teoria del metabolismo intermedio di George Watson, ormai accolta in
tutto il mondo, non esiste un metabolismo unico e uguale per tutti, ma tre varianti con
caratteristiche differenti. Vediamole insieme:
1.2.1 Metabolismo lento
Detto anche ipossidatore, appartiene a una persona che non metabolizza bene i
grassi, poco le proteine e meglio gli zuccheri. Questo si traduce in una naturale
tendenza a ingrassare, perché ogni caloria che non viene metabolizzata, cioè
bruciata dall'organismo per produrre energia, si accumula automaticamente come
deposito di grasso.
Il metabolismo lento, che riguarda circa il 65% delle donne, si riconosce anche per
alcune caratteristiche fisiche che ne sono conseguenza: intestino pigro, ipotensione
(la classica “pressione bassa”), ipersensibilità al freddo, scarsa sudorazione,
secchezza di pelle e capelli e tendenza all'affaticamento e alla depressione.
Il metabolismo lento è anche una delle principali cause del soprappeso e delle
difficoltà di dimagrimento. Purtroppo, come per il colore degli occhi o dei capelli, se si
nasce con un metabolismo di questo tipo bisogna accettarlo, ma questo non significa
che non si possano mettere in atto delle strategie per migliorare la situazione. Nel
proseguio di questo libro troverai moltissime informazioni utili al riguardo, e tanti
consigli pratici da provare subito. Per ora, in linea generale, ricorda che per
accelerare un metabolismo lento devi prestare molta attenzione alla scelta dei cibi.
Sì a cereali non integrali, carni e pesci magri, frutta e formaggi freschi; da evitare,
invece, gli alimenti ricchi di purine, un particolare tipo di sostanze proteiche che il
metabolismo lento fa molta fatica ad assimilare.
Qualche esempio? Asparagi, verze, spinaci, lenticchie, cavoli e cavolfiori, lenticchie,
pesci grassi e frutti di mare, manzo e cavallo. Infine, il metabolismo lento può far
8

Les commentaires (1)
Écrire un nouveau message

17/1000 caractères maximum.

FATTOREBRUCIAGRASSO


SCARICARE IL FATTORE BRUCIA GRASSO SISTEMA COMPLETO: http://tinyurl.com/zhp7rzt

jeudi 10 mars 2016 - 17:53
desyre.maus

Votre réponse

dimanche 10 juillet 2016 - 07:06

Diffusez cette publication

Vous aimerez aussi