187 pages
Italiano
Obtenez un accès à la bibliothèque pour le consulter en ligne
En savoir plus

Partition complète, Giannina e Bernardone, Dramma giocoso in due atti

-

Obtenez un accès à la bibliothèque pour le consulter en ligne
En savoir plus
187 pages
Italiano

Description

Visualisez les partitions de la musique Giannina e Bernardone partition complète, drame giocoso, fruit du travail de Cimarosa, Domenico. La partition classique célèbre dédiée aux instruments tels que:
  • solistes vocaux
  • orchestre

Cette partition est constituée de plusieurs mouvements: 2 Acts et l'on retrouve ce genre de musique classée dans les genres Comic opéras, partitions pour orchestre, opéra buffa, Stage travaux, drame giocoso, partitions pour voix, pour voix avec orchestre, pour voix, orchestre, italien langue, opéras
Consultez dans le même temps une grande sélection de musique pour orchestre, solistes vocaux sur YouScribe, dans la catégorie Partitions de musique classique.
Date composition: 1781
Edition: Milan: Ricordi, n. d. [1870]. Plate 42044.
Libbretiste: Filippo Livigni (fl. 1773-fl. 1786)

Sujets

Informations

Publié par
Nombre de lectures 140
Langue Italiano
Poids de l'ouvrage 11 Mo

Exrait

Edizioni Economiche Ricordi
D. CIMAROSA
GIANNINA
BERNARDONE
DRAMMA GIOCOSO DUE ATTIIN
la prima volta al Teatro San Samuele in VeneziaRappresentato per nel 1781.
Riprodotto al Teatro della Piazza Vecchia di Firenze il 17 maggio 1S70.
COMPLETA PER CANTOOPERA E PIANOFORTE
Riduzione di Francesco D'Arcais
—(b) Netti Fr. senza4 sconto.
Franco di porto nel Regno, Fr. —30 Per gli Stati dell' Unione Postale, Fr.4 5
Proprietà degli —Editori per tutti i paesi. Deposto a norma dei trattati internazionali.
Tutti i diritti della presente edizione sono riservati.
R. STABILIMENTO TITO DI GIO. RICORDI E FRANCESCO LUCCA
DI
G. RICORDI & C.
EDITORI-STAMPATORI
MILANO — ROMA — NAPOLI — PALERMO — —PARIGI LONDRA
(PRIKTED LN ITAI^Y)/Tharvs-a^QoDorarvi,
librart mrr. op
IORTH CaajLINA
DOMENICO CIMAROSA
omenico Cimarosa fu tra gl'ingegni più fecondi che ebbero a
brillare dalla metà dello scorso secolo fino allo spuntare del
secolo nostro.
Nacque in Aversa sul Napoletano nel lo accolse nel il1749: 1761
Conservatorio di Santa Maria di Loreto, trovòove a maestri Sacchini
e Manna, Fenaroli e Piccinni. Dopo undici anni di operosissimo studio
produsse sulle scene dei Fiorentini a Napoli nel Carnevale la1772,
sua prima opera intitolata Le stravaganze del Conte.
Cimarosa donò all'arte circa ottanta opere teatrali fra serie e giocose,
ultimo genere egli lasciò poderosa traccia delnel qual di lui ingegno
determinò non indifferente progresso. Perseguitato dal governo dele
come patriota, errò esule, e tenne in Germania ed in RussiaBorbone
onore l' ingegno italiano.in alto
vantarono migliore citansi, oltre ilFra le opere che fortuna
MatriSegreto suo capolavoro, Giannina e Bernardone da poco tempomonio
al pubblico con successo luminosissimo, La tì'ama delusaridonata
La Ballerina amante, Le astuzieL'Impresario in angustie, femminili:
Nel genere serio,quest' ultima è dal Fétis specialmente vantata.
Cimarosa musicò felicemente, pel suo tempo, Cajo Mario e gli Orazii
Curiazii.e
fare diremo così, mozartiano.Il della musica di Cimarosa è, E qui
cade in acconcio di stabilire saldamente e rettificare i giudizii di coloro
occupandosi dell'arte musicale, accusano di plagioche, con passione
non.chi l'uno e chi l'altro dei grandi compositori, escluso Rossini, non
dell' arte^.tenendo conto nessuno della storia e della fusione che per
rv qualche tempo, verso la fine del secolo passato, si manifestò nelle due
A4»,
tedesca perscuole, l'italiana e la l'impulso di Haydn e di Mozart. Di
ixIH..DOMENICO CIMAROSA
come quello che, scrivendo pel teatro, siquest'ultimo specialmente,
assai più popolare.rese
furono contemporanei : il Don Giovanni edCimarosa e Mozart il
pochissima distanza di tempo rappresen-Matrimonio Segreto furono a
1' 1' Se in moltissimatati, uno a Praga, altro a Vienna nel parte1787.
qualequesti due compositori hanno una istessa fisionomia, dei due si
il Barbiere diaccuserà di essere stato un imitatore? E se Siviglia dì
diRossini rivela in grandissima parte esso pure il fare Mozart, si
accuserà Rossini di plagio?
L'Italia gran numero di compositoridel secolo scorso vantò teatrali
che portarono l'opera a tale progresso (relativo all'epoca, s'intende) che
dalla era Il pregio speciale diGermania non raggiunto. quei
compositori, Pergolesi, Paisiello, ecc., era la fresca e gaia melodia scorrente in
abbondanza come rigoglioso ruscello; con essa i ritmi facili e
carezzeunita la commedia musicale. Mozart,voli, ed a tutto ciò il quale fece
deli suoi studii in Italia, s' impossessò genere, ed ecco che, a poco a
poco, ciò che prima era stato italiano diventò, per Mozart, tedesco.
Rossini, che tanto studiò i lavori di Mozart, improntando il suo
Barbiere di Siviglia col tipo del compositore ch'egli preferiva, non faceva
che ridare all' Italia ciò che questa aveva dato alla Germania. Il tipo dei
lavoriprimi di Beethoven, quelli che costituiscono una maniera, come
direbbero i pittori, il tipo dei lavori di Haydn e di Mozart, meno là
dove rivelasi il genio, questo tipo, dicevamo, è tolto ai compositori
italiani del secolo scorso. Tutti si dissetarono ad una unica fonte.
Giannina Bernardone Cimarosa è lavoro che insegnae di come
nell' opera buffa la musica s' incarni colla commedia e la secondi in
tutte le sue vicende.
1'Cimarosa morì all'improvviso in Venezia 11 gennaio del 1801.
Edwart.GIANNINA
BERNARDONE
DRAMMA GIOCOSO IN DUE
ATTI
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^>S?^^^^^^^^^^^^'S~fS~-'e~3&!^PERSONA GGI
~+~
Giannina, villanella dispettosa, moglie di Soprano
Bernardone, fattore di campagna, uomo rustico e geloso Buffo
FranconeCapitan Tenore
capitano nipote diDonna Aurora, amante del e Mezzo-Soprano
Don Orlando, cittadino napoletano e uffiziale ungherese Baritono brillante
Lauretta, moglie di Soprano
villa fratello di GianninaMasino, tattore di e Tenore
nel borgo di Gaeta.La scena si fingeINDICE
Sinfonia Pag. i
ATTO PRIMO.
- quella moglieIntroduzione Sventurata è 7
- -Recitativo ed Aria Se buona è la Giannina Lauretta 18S.
- -Aria Ancor io son maritato Masino T. ed 25
- -Aria donna sì vezzosa FranconeRecitativo ed Se T. 30
- - Orlando e Duetto Che bel piacere Aurora, MS. Br.
39
- -Recitativo ed Aria Era tanto fresca e bella Aurora MS.
43
- - ed Aria Mezze monde aver girate Orlando Br. 49
- -Recitativo e Canzone La moglie quando è buona Giannina S.
57
- - e Quartetto Fate, silenzio Giannina, Francone, Masino, Bernardone.S.T.T.Bf. 61
-- GianninaRecitativo ed Aria Poverella! sventurata! S.
73
- - e Duetto Mio signor, garbato e bello Orlando, Bernardone .. Br. Bf. 79
-Recitativo Finale primo Qui non c'èe 87
ATTO SECONDO.
- -Recitativo Duetto Se contro me magagne Giannina, Bernardonee S. Bf. 121
- - ed Aria Care spose giovinette Giannina S. 129
- -ed Aria Vaghe luci amorosette FranconeRecitativo T. 135
- Ma tu cospettonaccie 140
- -Aria Misero Bernardone! BernardoneRecitativo ed Bf. 142
-secondo Che grate melodie!Finale 148/ir*
..MERMEDCfiffiEIAMMA
ZDX
D .ClMAROSA
Sinfonia
4LLEGMO
±* fri **-*£f Éf
* •.&k ^ffifiJI I^^ ìp
£Ég ***^jffiftfj g ?FwHff
-#-•«• ' •*
ffli ,
£ÉÉfc^: Ì m
* \*feé*il m ittim #n
*+* r ^r-f- $¥=?=£ s S£ ffl^^ ±
5 £(1
*
*-w P *PlfPff
^
ifÉWjjtj^r^rfm%^%ff
i tr
'<a 420 4 vg
-' p &?É=É'=r=f
*-—é—m i« $ &
fassai —— 0-p pm jrj^I mc ^srf ^
gX £V.£> f§>*, _..tM ##=^ ££=#^£IM i f#^#iS
* p&p-p
*-*-m-p?r«:
:
-HEÉSi«3 jggg|P
£ Sul fì.rftf- I
Jl . .t
a—
Z3C i^ps £ira
P+-P-P-P-P-P ££££
ililU CEI^ttittf« nnn i
-**«*
K
P*là&r4 £g^£S
1^g ^
HS Hi SiitipiPS** S
a 42 44 a3
ff**T>£
«=
/ /fi ¥fif a*^
f.ff,ffcfj* I ÉIÉÉÉfa ÉÉÉÉÉ
É ?4f
5 »Z^Ei<13& ^
«;*1»-_p>p#^ -#— ÉÉÉ @Pi sgjg £ÉB §£'Wc£
-4#p m m P P m •

-*-»he^ P3 wff PIw#¥>£*£ £ • i.#— #-T»
» »* «Pi ss ±=^=#^ P#^S
Ar fr £^JL £
£4f
"^ a'.Pf ( tf fp

rrr *y; # È^^ ^
:
zfc^
fffì l fffffff ffff# ff flffff ff^
| l
l
''tì=^ LJ !Jp C
a 420441 a^ii'i i.^J
r "• - *• . »
i r rrrrCfr_rr' "mrmrjzmm
'tLfrftfr
m HE
Jr>«k„ i-s J'
, ,41^ ÌU:58» * « fcj:
«Ési
'1 rr'f frrW!P tiL'ttff ffraìfrrllr tL£rgTf
sa*
'w ^S ffitJLLremreiIrtlL» cxIrtElr
m
^^kJr-i 4 *
= ÉJ>1 g | SI g j
fsjguIlPFTrF ^2Ii
-e3S§
3t
>>Ji
» gL
, _ H»- *e-e CPf 1^^l JÉ^
i^
ir-e- «b» zèr^: jfc^:I H I
;«==£
A ihrT«te*
b;fr7g|agjp jj
li*ìf ti M55 ^^ SS èéé ili^^5
%R
i 9 _ a _ t^>
ciirmlr ttcrmr
LfLfS2EZm
-+ i i- i*>i i
^J ^MjjB»„ *J R
?I tsis"distl 'ClT/CECrfr ClfrHr ri-ff-ff-fftilt
Si
J iJ—N ij-s* *
-j±il& j^j^ì j
^ _•
cLD'elireiiricr ©ffi ^tLlrtEif cfrgfr
39E
*** .
#=É I P• * jttrtrrritirfiitfI m
/'^V
• » p-p-p-p53 ÌÉ^ s
p i pi^ Sff S
ifttffa fWrr i g*i i ; * rfffiffff i ffffB
eres.
-*-*-m E [ irftri( p^S Iw •6
fcE sgw
f
fcr^: t±*u*t*+*t*tr**
~T~3 1
• • •- - _ _• •» * »-m» w— «tta-«-* *^foS l£-—
'FffF^F^^p'ifrri^^ »^ufff
i ^
-« • »e És
<—fcìSj ÈÉÉÉ
i M
II l i,
ff
>I
! 1 I
1 ho aà E BL I L 1 1 ? L 1 L I r g
^s=f=^ èsi
».42. **# •.A S. M- A
•g I - 9 *=£PI
ì i i^^
~9-9
a 42044 aATTO PRIMO V
Introduzione
della città di Gaeta, veduta diSCBXÀ PBHH.4. Borgo delizioso con mare,e una Fortezza. Da una parte.casa di Beimi-.
della medesiraa;dall'altra,casadone,con un pozzo in vicinanza di Nasino accanto di una villetta.
avanti la propria casa cucendo unaGiannina seduta camicia,Lauretta,parimente facendo caIze,Benardone
dispettosamente, indi Masino con due villani.passeggiando
Ri
ÉÉlÌÉÌÌȨ́ÌÉÉÉéi=E
JVD4
r.Mziaso
Sventu _ ra.taè quel_ glie,chehailma_ri-to so. spet.to _ so,la mo -
no"~quelma- ri.toha so_ spet_to - so; notte e gìor _ gè.^—n -^1 che il
8
i BPBFi ing^rarrWiìli
i
3 4 - ^ -x-s-À^Wmm-9 -0- -m--f
' >jaP .J'J^I ^J'B
I 'rm P
li sta sempre
. > _ so la a martel _ lar, sta
te
•-"+——
I f>M *I^5 Mfg# ^Z
SfL
P3E ^=*=• »I yu Sf_ g 3EIP
a 420441 as
[^ir//ftr'H ^JljrtfoT"r l P C-T "pf-tfj, r_E1 r
stasenipre.sempreamarteLlar, la sempre, seni _ prea mar _ teisem.prea mar.tel ar. la sta
Jnrnon vi-frappo la.
-j_lar. Don_zel_let_te sem _ pli _ cet.te,
5* J?**j£**
<t n .pn g^iagjrv éééh=3=±éè^T• • * * *V %(I FF
PE fcfe x »g a E 1
-Èi ? Ti
M=ft
« * iw- ^^v^tt-rp^y^ b l l\ \ j "rjI
Ie vi con_vi poi - ta -_scia_te, trap _ pò _ lar non la_scia_te,- perchè da ma_ ri
eonjie ne so spii_rai\ - .vicon_vie_ne, vicomie-ne, vi.,vie _ ne so _ spi
...fp ff-, rr ff ,>frfy! ,frffffiiM... .m 5 E=^Hggymrfm- iiH B 13 _
53E S ^
BERNARDONE
a^* » 2=2P /V Chi sa che sia torniennon _ to prenda
3
mo_glie e poi Io di_ca, prenda nni_^glie, prenda ran.glie, prenda mo_glie. poi Io3
1-fe hdt
**r *L>»j unu
a.a.
f tig *f mtm
h k8 '< '« a• ^ E #
9
*&3$~^ i \>>fàl$-kMif— ÙÌÈÉ
e fra l'or _ti _ ca deve adi-Ca; fra le spLne
#j#s^m ^^tt tìtìi=i
'f *
IJ J J
ps
y I^^= 1— «-• -# 5 —
*• # * ÌaA
éffCrti tmpB iiéllm ^ sb
i i ^
for_za ri - po_sar, deve a' for_za ri_ po.sar, de _ ve a for _ za ri _ pò—£=> -,3 . ^ i, . ,. m . .... . ..fg.. rp>=
;f;;cgfpgpFirp :xtiMiUggs^P fg^
» Z±=±z1
3"! IPI
GIÀ.
C*
*y y — I
Etrr^T^I
.NonNon ri_spondo per pruden_z; ri
• «- •
:
tf r9 x y *? »
| g
IPr rp p i
oh!Oh! che sa _ ti_ro rab_bio _ so, che
O *** * * *XM
. spon_do per pru_den _ za Un ma_ri _ to più -lo _ so non sigè
*
i» -*—fflE * - » Yg lW5 Ml£jptfpF^£ ^
sa _ rab_ bio _ so!ti _ ro Un ma_ri _ to più ge_ Io _ so non si
m M Y * Y-I m
^iTìbiJJJJ
j' £>
-, u ffi1 i i j i p^tfhrgg ig ecj gr
può di te _ var, ma_ ri _ lo _ so non si può di te tro_tro un _ to più gè
:#=*=
»,i JgjJ r»r *=s
i n ijgpHH r~r ^^rf?
può di te tro ma_ri _ _ non può te tro__ var, un to più gè lo _ so si di
8 1B-4 f f^^# m "f /Tim grmrìP
$ gip
* P«— > */^ > siÉÉÉ =¥
"*
"r ^
a a4204410 ^/£Z,.° iFÒiV TANTO
fc W^*b ilt a Ij rlf
tro varnon si può di te __var,
BER.
r
i i :»1/m -ji ^frJ/ P?Pn j¥
non si può di te tro var.var, Maquifuoria lavo
BER.
'
J Jafe* 'F^S E 1g 1 p pH M ppp
_gnore. .— • . chiassale e, ci_Vet.Già lo so.per far l'a _ mo_re,per
»—*- tb h gS #¥ p/j
—*
ffp£ i ^f^y tj~rjy -JL^^
GIA. (s'alza)
* y^^
Te _ sta
LAU. Quest'è -troppo! (s'alza)
1=
^ISi £i Te _ stamaleParli
•-«—
y'jjFFp iÉ£^Éjj
Presto a ca_sa3.tar, chiassareper e cLvet_tar.
a 4204-4 a— E
Fassai 11
JL.m in e p mhì-p p u^m m Hm
matta. te_sta matJa.Seuna moglie sì si tratta, me 1 hai presto da pa
J'p p"i'«pJ'l»pE J'jlPDJ)/ | g | Dj j gp
matta. te_sta matJa.Seuna moglie sì si tratta, me l'hai presto da pa
pc èéé rfrifrPjrWgrtrHs ErEfi
presto a ca_sa. Seunma_ri_to sì si tratta,me Fa_vre_te da pa _
-flt
r e ir p p e e b^mmf
gar, mei hai presto da pa _ gar, mei hai presto da pa _ gar.
j?^
r e ire ep jp p gg pp |p
gar, hai presto da gar, me l'ha» presto da pa _mei pa _ gar.
^^
;
;> » frfrpP p j P^g 1| H|
.gar, meTavre-te da pa _ gar, me la_vre_te da pa
Che chiasso, cheru_mo_re, che ru_mo_re, che/££: JSSÀi
mm? l& m
"t/'4'fi fi ^FF >
—*m • * • »£_— —fc /
è è è -è—è
B<rn.)GIÀ. (a Berli.) string LAU.'a
ìh=£=t
'#-#*
J I. J J. ***:m i É£2 É «
SeiT'ho già sof_fer_to as _ sa_i.
sce_na è que_sta mai?
éééééééé èsiHa
>- /' e stringendo>^Bf^ m m • » A jS.
53E i W^ggf I
'< '4<J 420 a