DON PASQUALE

DON PASQUALE

-

Documents
43 pages
Lire
Le téléchargement nécessite un accès à la bibliothèque YouScribe
Tout savoir sur nos offres

Description

Livret de l'opéra " Don Pasquale ". Musiques de Gaetano Donizetti. Source : librettidopera.it

Sujets

Informations

Publié par
Nombre de visites sur la page 109
Langue Italiano
Signaler un problème
DON PASQUALE
Dramma buffo.
testi di Giovanni Ruffini
musiche di Gaetano Donizetti
Prima esecuzione: 3 gennaio 1843, Parigi.
www.librettidopera.it
1/ 43
Informazioni
Don Pasquale
Cara lettrice, caro lettore, il sito internetdittrepoti.aw.lwwreib èdedicato ai libretti d'opera in lingua italiana. Non c'èun intento filologico, troppo complesso per essere trattato con le mie risorse: vièinvece un intento divulgativo, la volontàdi far conoscere i vari aspetti di una parte della nostra cultura. Ogni librettoèstato cercato e realizzato con passione: acquistando i compact-disc realizzati aiutate a portare avanti e a migliorare la qualitàdi questa iniziativa. Motivazioni per scrivere note di ringraziamento non mancano. Contributi e suggerimenti sono giunti da ogni dove, vien da dire «dagli Appennini alle Ande». Tutto questo aiuto mi ha dato e mi sta dando entusiasmo per continuare a migliorare e ampiare gli orizzonti di quest'impresa. Ringrazio quindi: chi mi ha dato consigli su grafica e impostazione del sito, chi ha svolto le operazioni di aggiornamento sul portale, tutti coloro che mettono a disposizione testi e materiali che riguardano la lirica, chi ha donato tempo, chi mi ha prestato hardware, chi mette a disposizione software di qualitàa prezzi piùche contenuti. Infine ringrazio la mia famiglia, per il tempo rubatole e dedicato a questa attività. I titoli vengono scelti in base a una serie di criteri: disponibilitàdel materiale, data della prima rappresentazione, autori di testi e musiche, importanza del testo nella storia della lirica, difficoltàdi reperimento. A questo punto viene ampliata la varietàdel materiale, e la sua affidabilità, tramite acquisti, ricerche in biblioteca, su internet, donazione di materiali da parte di appassionati. Il materiale raccolto viene analizzato e messo a confronto: viene eseguita una trascrizione in formato elettronico. Quindi viene eseguita una revisione del testo tramite rilettura, e con un sistema automatico di rilevazione sia delle anomalie strutturali, sia della validitàdei lemmi. Vengono integrati se disponibili i numeri musicali, e individuati i brani più significativi secondo la critica. Viene quindi eseguita una conversione in formato stampabile, che state leggendo. Grazie ancora. DarioZanotti
2/ 43
Libretto n. 48, prima stesura perita.wwwl.bierttdipore: dicembre 2003. Ultimo aggiornamento: 25/04/2011.
www.librettidopera.it
G. Ruffini / G. Donizetti, 1843 P E R S O N A G G I
NORINA, giovane vedova..........SOPRANO
ONPASQUALE, vecchio celibatario..........BASSO D
ERNESTO, nipote di Don Pasquale, amante corrisposto di Norina..........TENORE
Il dottorMATSETALA, amico di Don Pasquale e amicissimo di Ernesto..........BARITONO
UnNOTARO..........BASSO
Coro di Servi e Cameriere.
L'azione si finge in Roma.
www.librettidopera.it
Personaggi
3/ 43
Atto primo
A T T O P R I M O
Don Pasquale
[Sinfonia]
Scena prima Sala in casa di Don Pasquale, con porta in fondo d'entrata comune, e due porte laterali che guidano agli appartamenti interni. Don Pasquale solo. Guarda con impazienza all'orologio. [N. 1 - Introduzione]
4/ 43
DONPELAUQSA
MATSETALA DONPSAUQLAE
DONPLEUASQA (con ansietà) MTAATESAL DONPUASQLEA MLATASEAT DONPEALQUSA MSEATLATA
DONPSAUQLAE
Son nov'ore; di ritorno il dottore esser dovria. (ascoltando) Zitto!... Parmi...Èfantasia... Forse il vento che passò. Che boccon di pillolina, nipotino, vi preparo! Vo' chiamarmi don Somaro se veder non ve la fo. (di dentro) Èpermesso? Avanti, avanti.
Scena seconda Il dottore Malatesta e detto. Dunque?... Zitto, con prudenza. Io mi struggo d'impazienza. La sposina...? Si trovò. Benedetto! (Che babbione!) Proprio quella che ci vuole. Ascoltate, in due parole il ritratto ve ne fo. Son tutt'occhi, tutto orecchie, muto, attento a udir vi sto. www.librettidopera.it
G. Ruffini / G. Donizetti, 1843
MTAESATAL
DONPASEUQLA MALATESTA
DONPALQUASE METALASTA DONPELQSAUA MESATTAAL DONPQSAUALE (con intenzione) MAALETTSA DONPASALQUE MTSAALATE DONPLAUQEAS MSTTELAAA DONPASQUALE (con trasporto) MLATAESAT
Bella siccome un angelo in terra pellegrino, fresca siccome il giglio che s'apre in sul mattino, occhio che parla e ride, sguardo che i cor conquide. Chioma che vince l'ebano sorriso incantator. Sposa simile! Oh, giubilo! Non cape in petto il cor. Alma innocente e candida, che sémedesma ignora; modestia impareggiabile, dolcezza che innamora ai miseri pietosa, gentil, buona, amorosa. Il ciel l'ha fatta nascere per far beato un cor. Famiglia? Agiata, onesta. Casato? Malatesta. Saràvostra parente? Alla lontana un po'... Èmia sorella. Oh gioia! Di piùbramar non so. E quando di vederla, quando mi fia concesso? Domani sul crepuscolo. Domani? Adesso, adesso. Per carità, dottore! Frenate il vostro ardore, quetatevi, calmatevi, fra poco qui verrà. Da vero? Preparatevi, e ve la porto qua.
www.librettidopera.it
Atto primo Romanza
5/ 43
Atto primo DONPAELQSAU MTAESATAL DONPSAUQALE MTAESATAL DONPLAUQSAE
Oh caro! (lo abbraccia) Or tosto a prenderla... Ma udite... Non fiatate. Ma... Non c'èma, volate, o casco morto qua. (gli tura la bocca e lo spinge via) DONPUQLAEAS Un foco insolito mi sento addosso, omai resistere io piùnon posso! dell'etàvecchia scordo i malanni, mi sento giovine come a vent'anni. Deh! cara, affrettati, dolce sposina! ecco di bamboli mezza dozzina veggo giànascere, veggo giàcrescere, a me d'intorno veggo scherzar.
DONPSAUQLAESon rinato. Or si parli al nipotino. A fare il cervellino veda che si guadagna. (guarda nelle scene) Eccolo appunto. Scena terza Ernesto e detto. DONPAQSAULEGiungete a tempo. Stavo per mandarvi a chiamare. Favorite. ENRSEOTSono ai vostri comandi. 6/ 43www.librettidopera.it
Don Pasquale
Cavatina
[N. 2 - Recitativo e duetto]  Recitativo
G. Ruffini / G. Donizetti, 1843 DONPELAUQSANon vo' farvi un sermone, vi domando un minuto d'attenzione. Èvero o nonèvero che, saranno due mesi, io v'offersi la man d'una zitella nobile, ricca e bella? EESRNTOÈvero. DONPUQLASAEPromettendovi, per giunta un buon assegnamento, e alla mia morte, quanto possiedo? ERNTOESÈvero. DONPUQSAELAdo,cianMcani in caso di rifiuto, diseredarvi, e a torvi ogni speranza, ammogliarmi, seèd'uopo? ENEROSTÈvero. DONPAQSAULEOr bene, la sposa che v'offersi, or son tre mesi, ve l'offro ancor. ETORNESNon posso; amo Norina, la mia fedeèpegnata...mi DONPQSAUELASì, con una spiantata, con una vedovella civettina... EONESTRRispettate una giovine povera, ma onorata e virtuosa. DONPLAUQSAESiete proprio deciso? ENRSEOTlmente.revocabirI DONPELAUQSAOr ben, pensate a trovarvi un alloggio. ESEOTNRCosìmi discacciate? DONPELAUQSALa vostra ostinatezza d'ogni impegno mi scioglie. Fate di provvedervi. Io prendo moglie.
EOSTNER (nella massima sorpresa) DONPAUQSELA ERSTNEO DONPAQSUALE
Prender moglie? Sì, signore. Voi?... Quel desso in carne e in ossa.
www.librettidopera.it
Atto primo
Duetto
7/ 43
Atto primo ETOESRN DONPAUASQLE
8/ 43
ERNESTO DONPEALAQUS
EESTONR EENROTS
DONPAQSAUEL
ETORNES DONPSAUQEAL
Perdonate lo stupore... La sorpresa... (Oh questaègrossa!) Voi?... L'ho detto e lo ripeto. (con impazienza) Io, Pasquale da Corneto, possidente, qui presente, qui presente, in carne ed ossa, d'annunziarvi ho l'alto onore che mi vado ad ammogliar. Voi scherzate. Scherzo un corno, lo vedrete, al nuovo giorno. Sono,èvero, stagionato, ma ben molto conservato, e per forza e vigoria me ne sento da prestar. Voi frattanto, signorino preparatevi a sfrattar. (Ci volea questa mania i miei piani a rovesciar!) Sogno soave e casto de' miei prim'anni, addio. Bramai ricchezze e fasto solo per te, ben mio: povero, abbandonato, caduto in basso stato, pria che vederti misera, cara, rinunzio a te.) (Ma, ve', che originale! Che tanghero ostinato! Adesso, manco male, mi par capacitato. Ben so dove gli duole, maèdesso che lo vuole, altri che sémedesimo egli incolpar non può!) (dopo breve pausa) Due parole ancor di volo. Son qui tutto ad ascoltarvi.
www.librettidopera.it
Don Pasquale
G. Ruffini / G. Donizetti, 1843 ERONEST
DONPLEUASQA EOTSENR DONPAQSAUEL ENROTSE DONPLEQSAUA ENRSEOT (colpitissimo) DONPQUASEAL (confidenzialmente) ESTORNE (agitatissimo) DONPAQSAUEL ERNESOT EONESTR
DONPSAALQUE
Ingannar si puote un solo: ben fareste a consigliarvi. Il dottore Malatesta èpersona grave, onesta. L'ho per tale. Consultatelo. E giàbello e consultato. Vi sconsiglia! Anzi, al contrario, m'incoraggia, n'èincantato. Come? come? oh, questa poi... Anzi, a dirla qui fra noi, la... capite?... la zitella, ma... silenzio...èsua sorella. Sua sorella! Che mai sento? Del dottore? Del dottor. (Oh che nero tradimento! Ahi, dottore senza cor!) (Mi fa il destin mendico, perdo colei che adoro, in chi credevo amico discopro un traditor! D'ogni conforto privo, misero! a che pur vivo? Ah! non si dàmartoro eguale al mio martor?) (L'amicoèbello e cotto, in sasso par cangiato; non fiata non fa motto, l'affoga il crepacuor. Si roda, gli sta bene, ha quel che gli conviene. Impari lo sventato a fare il bello umor.) (partono)
www.librettidopera.it
Atto primo
9/ 43
Atto primo
10/ 43
Scena quarta Stanza in casa di Norina.
Entra Norina con un libro alla mano, leggendo. NORINA «Quel guardo il cavaliere in mezzo al cor trafisse piegòil ginocchio e disse: son vostro cavalier! E tanto era in quel guardo sapor di paradiso, che il cavalier Riccardo, tutto d'amor conquiso, giuròche ad altra mai non volgeria il pensier.» NORINAAh, ah! Ah, ah! (ridendo) NORINASo anch'io la virtùmagica d'un guardo a tempo e loco, so anch'io come si bruciano i cori a lento foco. D'un breve sorrisetto conosco anch'io l'effetto, di menzognera lagrima, d'un subito languor. Conosco i mille modi dell'amorose frodi, i vezzi, e l'arti facili per adescare un cor. Ho testa bizzarra; son pronta, vivace, scherzare mi piace, mi piace brillar. Se monto in furore di rado sto al segno, ma in riso lo sdegno (ridendo) fo presto a cambiar.
www.librettidopera.it
Don Pasquale
[N. 3 - Cavatina]
G. Ruffini / G. Donizetti, 1843
Atto primo [N. 4 - Recitativo e duetto, finale I] Recitativo
NORINAdottor non si vede! Oh, che impazienza!E il Del romanzetto ordito a gabbar don Pasquale, ond'ei toccommi in fretta, poco o nulla ho capito, ed or l'aspetto... Entra un Servo, le porge una lettera ed esce. NORINA(guardando la soprascritta) La man d'Ernesto... io tremo. (legge: dàcenni di sorpresa, poi di costernazione) Oh! me meschina!
Scena quinta Malatesta e detta. MASTTELAABuone nuove, Norina, (con allegria)il nostro stratagemma... NORINAMe ne lavo le mani. (con vivacità) MASTAETALCome? Che fu? NORINA(porgendogli la lettera) Leggete. MASTTELAA(leggendo) «Mia Norina; vi scrivo co' la morte nel cor.» Lo farem vivo. «Don Pasquale aggirato da quel furfante...» Grazie! «...da quella faccia doppia del dottore, sposa una sua sorella, mi scaccia di sua casa, mi disereda infine. Amor m'impone di rinunziare a voi. Lascio Roma oggi stesso, e quanto prima l'Europa. Addio. Siate felice. Questo èl'ardente mio voto. Il vostro Ernesto.» Le solite pazzie! NORINAMa s'egli parte!... MALATESTANon partirà, v'accerto. In quattro salti son da lui, della nostra trama lo metto a parte, ed ei rimane, e con tanto di cor. www.librettidopera.it
11/ 43