Guida sullo stress legato all'attività lavorativa

-

Documents
132 pages
Obtenez un accès à la bibliothèque pour le consulter en ligne
En savoir plus

Description

o > fö as N N ω Occupazione & affari sociali Commissione europea Guida sullo stress legato all'attività lavorativa «Sale della vita o veleno mortale?» Occupazione & affari sociali Salute e sicurezza sul lavoro Commissione europea Direzione generale Occupazione e affari sociali Unità D.6 Manoscritto terminato nel 1999 I contenuti della pubblicazione non rispecchiano necessariamente il parere e la posizione della Commissione europea, direzione generale Occupazione e affari sociali. Chi fosse interessato a ricevere il bollettino d'informazione elettronico ESmall della direzione generale Occupazione e affari sociali della Commissione europea è pregato di inviare un messaggio di posta elettronica all'indirizzo empl-esmail@cec.eu.int II bollettino d'informazione esce regolarmente in tedesco, inglese e francese. Numerose altre informazioni sull'Unione europea sono disponibili su Internet via il server Europa (http://europa.eu.int). Una scheda bibliografica figura alla fine del volume. Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee, 2000 ISBN 92-828-9808-3 © Comunità europee, 2000 Riproduzione autorizzata con citazione della fonte. Printed in Belgium INDICE Pagina INTRODUZIONE i SOMMARIO iii PARTE I - CONTESTO 1 Un modello di reazione arcaico nella moderna organizzazione del lavoro 3 Che cosa è lo stress?

Sujets

Informations

Publié par
Nombre de visites sur la page 126
Langue Romanian

Informations légales : prix de location à la page  €. Cette information est donnée uniquement à titre indicatif conformément à la législation en vigueur.

Signaler un problème

o
>

as
N
N
ω
Occupazione & affari sociali
Commissione europea Guida sullo stress legato
all'attività lavorativa
«Sale della vita o veleno mortale?»
Occupazione & affari sociali
Salute e sicurezza sul lavoro
Commissione europea
Direzione generale Occupazione e affari sociali
Unità D.6
Manoscritto terminato nel 1999 I contenuti della pubblicazione non rispecchiano necessariamente il parere e la
posizione della Commissione europea, direzione generale Occupazione e
affari sociali.
Chi fosse interessato a ricevere il bollettino d'informazione elettronico ESmall
della direzione generale Occupazione e affari sociali della Commissione europea
è pregato di inviare un messaggio di posta elettronica all'indirizzo
empl-esmail@cec.eu.int
II bollettino d'informazione esce regolarmente in tedesco, inglese e francese.
Numerose altre informazioni sull'Unione europea sono disponibili su Internet via il server
Europa (http://europa.eu.int).
Una scheda bibliografica figura alla fine del volume.
Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee, 2000
ISBN 92-828-9808-3
© Comunità europee, 2000
Riproduzione autorizzata con citazione della fonte.
Printed in Belgium INDICE
Pagina
INTRODUZIONE i
SOMMARIO iii
PARTE I - CONTESTO 1
Un modello di reazione arcaico nella moderna organizzazione
del lavoro 3
Che cosa è lo stress?
Alcuni esempi di stress legato all'attività lavorativa 4
Integrare la prevenzione dello stress nello sviluppo
dell'organizzazione 5
Migliorare l'organizzazione del lavoro
Assicurare una formazione adeguata 7
Introdurre nuovi pacchetti di orari di lavoro
Favorire la diversificazione dei rapporti di lavoro e nuove forme
di lavoro
Assicurare condizioni ottimali per l'introduzione e l'adozione di
nuove tecnologie
Promuovere la motivazione e la capacità di adattamento dei
lavoratori attraverso una più ampia partecipazione 7 la parità di opportunità
Istruzione e formazione 7
Risoluzione del Parlamento europeo 8
La Dichiarazione ministeriale di Londra
La promozione della salute mentale sul lavoro 10
Quattro iniziative recenti 1
Lo stress è un problema?1
I costi dello stress legato all'attività lavorativa 12
I fattori di stress sul lavoro4
Aspetti temporali della giornata di lavoro e dell'attività lavorativa 14
Contenuto dell'attività lavorativa (indipendentemente dagli
aspetti temporali) 14
Rapporti interpersonali nel gruppo di lavoro 15 con i supervisori
Caratteristiche dell'organizzazione
Le cause dello stress e delle patologie legati all'attività lavorativa 15 Alcuni aspetti dei fattori di stress sul lavoro 16
L'impegno richiesto dal lavoro7
Autonomia decisionale e controllo sulla propria vita professionale 18
Sostegno sociale 18
Il modello " demand-control-support" 19
Disadattamento fra persona e ambiente
Il lavoro a turni 20
Il al videoterminale
Divario fra sforzo e ricompensa 21
Incertezza o conflittualità dei ruoli
Potenziali fattori di stress della futura organizzazione del lavoro 21
Quali sono le manifestazioni dello stress? 22
Manifestazioni emotive 22 cognitive comportamentali
Manifestazioni fisiologiche 23
Lo stress è nocivo? 23
Stress e salute4
Cardiopatia e ictus 24
Cancro 25
Patologie osteomuscolari gastroenteriche
Disturbi d'ansia depressivi
Infortuni e suicidi 26
Altre malattie 26
Entità del problema nell'Unione europea 27
I gruppi a rischio8
I giovani 28
I genitori singoli
I lavoratori anziani 29
I disabili
Aumento dell'esposizione e aumento della vulnerabilità 29
La legislazione in materia di stress legato all'attività lavorativa
nell'Unione europea 29
Le conseguenze dello stress a livello dell'organizzazione 31
Ostacoli e possibilità per gli interventi di prevenzione2
Senso di coerenza e competenze per la vita 34
La prevenzione: un investimento a favore della salute e della
produttività 35 PARTE II- LE SFIDE DA AFFRONTARE 37
I programmi di prevenzione dello stress9
La prevenzione richiede un approccio complesso 40
La prevenzione a livello dell'organizzazione e dell'individuo 41
Opzioni strategiche per la promozione della salute sul luogo di
lavoro 3
La dichiarazione di Lussemburgo sulla promozione della salute
sul luogo di lavoro 43
Elementi chiave per la prevenzione dello stress sul luogo di lavoro 45
Una lista di controllo dei fattori di stress legati all'attività lavorativa 48
Quantità di lavoro assegnata eccessiva o insufficiente 48
Mancanza di tempo per una buona prestazione professionale 49
Divario fra responsabilità e poteri decisionali
Incertezza nella definizione dei ruoli e nelle istruzioni ricevute degli obiettivi personali e
dell'organizzazione e nel loro significato 49
Mancanza di sostegno 50 di apprezzamento e ricompensa
Mancanza di autonomia decisionale e impossibilità di influire 50
Esposizione alla violenza o a minacce di violenza 51
Discriminazioni e vessazioni ad agenti nocivi per la salute
Inadeguatezza sul piano delle competenze e delle qualifiche
Errori che comportano danni economici o rischi per l'incolumità o
la vita altrui 51
II rischio di perdere il posto di lavoro 52
Promozione della salute e prevenzione delle patologie connesse
allo stress 52
Prevenzione a livello di organizzazione 53
Ridefinizione del profilo professionale 53
Gestione partecipata 54
Orari di lavoro flessibili 55
Sviluppo di carriera
Progettazione dell'ambiente físico 55
Rumorosità e vibrazioni 56
Macchinari e strumentazione 57
Odori, illuminazione e fattori climatici
Edifìci e locali 58
Interazione fra fattori ambientali di stress legati all'attività
lavorativa e non
Miglioramento delle relazioni 59 o nella programmazione dei turni 60 Alcuni esempi di programmi d'intervento applicati con successo 61
Il programma svedese T50 °1
Il belga PRA °7
Il A2000+ °2
Il programma "Abbi cura dei tuoi dipendenti" 62
Un approccio tripartito 63
I lavoratori e i loro rappresentanti 63
Le associazioni imprenditoriali e le singole aziende 64
I servizi di medicina del lavoro e gli enti di assicurazione malattia 64
Le strategie di promozione della salute sono efficaci? 64
I programmi europei6
Tre studi 67
Una proposta globale a livello nazionale 6
PARTE III- LE AZIONI9
II controllo interno: un metodo praticabile per un luogo
di lavoro più sano 71
Norvegia 72
Svezia
Belgio 73
Strumenti di valutazione del rischio di stress 74
Provvedimenti diagnostici
Dalla valutazione all'intervento6
Prevenzione primaria a livello dei singoli individui 77
Prevenzione primaria rivolta ai fattori di stress 77 secondaria alle reazioni allo stress terziaria rivolta ai sintomi
Tre obiettivi, quattro quesiti 77
Egoismo illuminato8
Le garanzie per i singoli lavoratori9
Informazione, istruzione e formazione 80
Il ruolo dei lavoratori, dei dirigenti, delle associazioni di categoria
e gli strumenti a disposizione1
Sale della vita o veleno mortale?Glossario 83
Bibliografia9
no
Indice analitico